Sostiene Pereira?…

Venerdì scorso, durante la bellissima presentazione di “sCripta” alla libreria Spartaco di Santa Maria Capua Vetere, gli studenti mi hanno chiesto quale fosse il mio libro preferito. Ho risposto immediatamente: Sostiene Pereira di Tabucchi. Senza volerlo il personaggio di questo bellissimo romanzo storico è proprio il fantasma che ho cercato nella convulsa giornata del 29. Tre universitari accoltellati al mattino dai neofascisti di Casa Pound, tra cui c’è un candidato di Lettieri alla III municipalità. Poi il corteo con la contestazione allo stesso Lettieri e gli scontri di piazza Dante, fino all’inquietante episodio del raid notturno all’Orientale tutto da chiarire. Tanti  che come me lavorano o meno di scrittura e comunicazione, sono rimasti desolati di fronte all’utilizzo delle parole scritte per raccontare la cronaca. L’accoltellamento si è trasformato in “rissa”. La contestazione verbale a Lettieri in “aggressione”. Il petardo del giorno dopo davanti al comitato elettorale in “bomba carta”. Le agenzie e i titoli dei quotidiani hanno attuato un’informità impressionante per rappresentare questi fatti gravissimi. Certo, si dirà che il movimento studentesco è caduto nel più classico dei trappoloni per offrire su un piatto d’argento il ruolo di vittima al candidato del Pdl. Eppure resta il problema di fondo. Si è notata una cappa di giornalismo “embedded” nei cofronti della politica. A parte poche eccezioni, non sono state poste domande per capire meglio come sono andati i fatti in una fase delicata della campagna elettorale. Nel mio piccolo ne ho fatta qualcuna in un articolo pubblicato sabato scorso su Il Punto magazine: A chi serve tutto questo? Chi ha interesse ad alimentare le tensioni? Perché alcuni neofascisti già inquisiti sono stati candidati nelle liste in sostegno a Lettieri?

In attesa di una risposta continuerò a cercare Pereira, giornalista burbero e conservatore, ma che aveva avuto dalla sua parte il coraggio per la verità. Continuerò a cercare Pereira anche nelle prossime presentazioni di “sCripta”: 4 maggio Roma (sala Detour – cooperativa sociale Oasi Urbana via Urbana 107), 13 maggio Milano (libreria coop Statale – via Festa del Perdono 3), 18 maggio Napoli (sala conferenze Gesco – via vicinale Santa Maria del Pianto complesso Inail), 21 maggio Firenze (Caffè Le citè – borgo San Frediano 20r). Continuerò a cercare Pereira perchè le parole siano al servizio  della verità. E, soprattutto, perché per la professione di giornalista valga ancora la pena, a Napoli e altrove.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.