AmMORTIzzatori sociali

Vi ricordate la scenetta del grande Troisi sugli investimenti per i disoccupati? Ebbene, la realtà sta andando oltre l’immaginazione del nostro Massimo. Non servono nemmeno più i Tir per “investire” i disoccupati perchè ci pensano loro a sparire: 357 in un anno, uno al giorno. Certo, la mia è un’ironia rabbiosa. In questi giorni abbiamo visto i titoli di prima pagina sulle bombette e i petardi contro Equitalia. Ma qui ci sono morti veri: giovani, padri di famiglia e donne che preferiscono togliersi di fronte all’ignoto di questa crisi economica provocata dal business finanziario e bancario. Chi pagherà per loro? Chi pagherà per quel pensionato, l’ennesimo, che si è tolto la vita a Bologna? O per quell’imprenditore catanese che ha preferito la morte al fallimento e al licenziamento dei suoi operai? Altro che pericolo di tensioni sociali: da due anni è in corso una guerra civile che produce vittime nel silenzio quotidiano della politica.

Ironia della sorte, i dati dell’Eures arrivano proprio nel giorno in cui il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano invoca gli ammortizzatori sociali. Caro presidente, forse qualcuno, tra i banchi del governo che lei ha scelto per “l’interesse del Paese”, ha frainteso…A disoccupati, precari, licenziati e cassaintegrati, invece, un solo appello: non datela vinta, scegliete di vivere e lottare. E magari come ci diceva Massimo: ricominciamo da 3!

P.S.: “sCripta-Diario clandestino di un cronista precario” torna il prossimo 13 gennaio ad Avellino – ore 18:30 Circolo della stampa, c.so Vittorio Emanuele. Con me ci saranno Anna Teresa Damiano, giornalista Rai, Raffaella Ferrè, scrittrice, e Gerri de Fabrizio, giornalista.

2 commenti

  • Ciao sono Serena, la moglie di Nunzio, forse in questi giorni ti sarà capitato di vedere articoli del genere “licenziato chiede elemosina fuori alla sua azienda in piazza Vanvitelli. Mi hanno aiutato molto i tuoi colleghi Marco Caiano e Giuliana Covella e, anche se la questione,è chiusa, ora mi stanno aiutando perchè anche se per anni sono stata una precaria solo con il licenziamento di mio marito e la chiusura di negozi (vedi Guida ad esempio) mi ha reso consapevole che questi benedetti ammortizzatori sociali non sono altro che la morte dell’economia…i soldi potrebbero essere investiti in modo diverso e….se ti interessa clicca

    o vieni a trovarmi sulla mia bacheca… Ti abbraccio!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.