Chi ha dato gli ordini a Sementa?

Via il mercatino multietnico di via Bologna dopo 10 anni. Nonostante il bando, le polemiche, la marcia indietro e il nuovo bando , ieri le truppe speciali del comandante della Polizia municipale di Napoli Luigi Sementa hanno sgomberato gli ambulanti. Oggi ci sarà un nuovo sit-in davanti palazzo San Giacomo, già circondato dai precari Bros e dagli operatori sociali in attesa dei pagamenti.

L’ennesimo episodio si aggiunge a quelli dell’estate scorsa al parcheggio Brin per liberare lo spazio Asìa e costruire un deposito di rifiuti. Poi ci sono stati i rastrellamenti agli occupanti dei bassi a Forcella, anche lì quasi tutti immigrati. Poi sono arrivate le contestate modalità di verifica degli alloggi a Scampìa. Anche se l’episodio più famoso e tragicomico riguarda il coinvolgimento di decine di caschi bianchi per cacciare da via Chiaia il clochard con la paparella. Poi arriviamo al video in cui si mostra in maniera goffa la squadra speciale di cento agenti, tipo Nocs, che vigilerà sulla Coppa America.

Per questo sorgono alcune domande: chi ha dato in questi 9 mesi gli ordini a Sementa? Chi si assume la responsabilità politica, legittima ovviamente, di un’azione amministrativa law&order? Oppure il comandante Sementa, in scadenza di mandato, agisce in autonomia? Questa è l’applicazione della Napoli “dell’inclusione e dell’accoglienza”? Quanti caschi bianchi sono a disposizione nei comandi delle periferie mentre centinaia di agenti sono impegnati nelle Ztl e nella squadra speciale a difesa delle barche a vela?

Sono solo alcune domande per quel nodo che ormai sembra sciogliersi all’indomani della “crisi” dovuta alla cacciata dei Bros da piazza Municipio. Ai movimenti, ai cittadini che hanno votato e sostenuto la campagna elettorale, alla città intera è ora che il sindaco più amato d’Italia dica chiaramente da che parte sta.

 

3 commenti

  • I precari Bros sono stati ingiustamente criminalizzati, offesi e presi in giro dopo le promesse della campagna elettorale sul loro impegno per la differenziata, essendo stati formati per fare quello e il non impiego rappresenta di fatto uno dei tanti investimenti fallimentari nella scandalosa gestione dell’emergenza rifiuti in Campania.
    Lo sgombero di sabato mattina è una delle pagine più brutte scritte da tale amministrazione comunale, dopo la retata a via Brin contro immigrati che non avevano un posto dove dormire, cacciati fuori anche con l’uso di spray urticanti.
    Ed è sconcertante che simili azioni repressive vengano assunte da chi a parole si dichiara a favore delle vertenze sociali, del rispetto della protesta legittima, per la democrazia partecipativa, ma evidentemente dietro queste parole c’è solo un gruppo di potere che, come accade in qualsiasi aspetto della vita istituzionale, non fa altro che colpire il più debole per servire il più forte, oltre le belle parole il sindaco sembra avere a cuore altro a cominciare, amio parere, dall’aspirazione verso ben altri palcoscenici della politica nazionale e a tale scopo usa ogni opportunità di show mediatico per curare la propria immagine.

  • Io dico, che l’era delle maniere forti è completamente sbagliata, come del resto è stato sbagliato dare l’incarico a Sementa, un uomo messo da parte anche da l’arma, per le sue manie di perseguire la legalità a tutti i costi, servendosi anche di persone senza dignità e senza scrupoli ed arriviste. Senza rendersi conto che questa, ha molto sfaccettature come quelle sociali e stranieri, una città, i cui amministratori locali, hanno sono intravisto e non risolto mai. spero tanto che gli danno il ben servito.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.