Un anno fa il blitz di via Brin: lo spray, il dossier e alcune domande

Il 2 agosto di un anno fa ci fu il primo episodio critico della Giunta de Magistris. All’alba la polizia municipale fece irruzione nel deposito Asìa adibito a dormitorio per immigrati. Quella struttura doveva servire a un sito di stoccaggio di rifiuti. Immediatamente esplosero le polemiche per i metodi utilizzati dai caschi bianchi guidati dall’ex comandante Luigi Sementa. In particolare la denuncia del sindacato di base e del consigliere Arnaldo Maurino dell’uso di spray urticante ai danni di un migrante.

Questo episodio scoperchiò la prima crepa all’interno dell’esecutivo di de Magistris: da una parte i fautori del “law&order”, dall’altra l’ala movimentista. La vicenda mise in luce la gestione Sementa dei vigili urbani. Il generale aveva creato un gruppo di fedelissimi, addestrati come una squadra militare. A rendere pubblica questa metodologia fu il video girato proprio dalla sezione “Addestramento e formazione” dei vigili urbani per mostrare la preparazione dei “commandos” in vista della Coppa America. Sementa aveva iniettato una mentalità da rambo (riscuotendo anche molto consenso tra i suoi agenti) e un clima difficile all’interno del corpo municipale. Infatti, i “dissidenti” rischiavano trasferimenti repentini, pochi erano disposti ad esporsi e ad ammettere l’eventuale uso dello spray e di dotazioni non in regola. Altri blitz si sono susseguiti nei mesi successivi e con metodi poco ortodossi: da via Bologna agli ambulanti e ai clochard in giro per la città. Ovviamente chi dirige i caschi bianchi risponde a ordini e direttive che vengono dall’assessore competente. Narducci è andato via a giugno sbattendo la porta e adesso la delega è nella mani del sindaco che ha nominato come nuovo comandante Attilio Auricchio (già capo di gabinetto del primo cittadino).

Ecco alcune domande al primo cittadino, un anno dopo: alcuni agenti hanno confermato l’uso dello spray quel giorno con la colluttazione di un singolo con l’immigrato, è vero? Se fosse vero, chi ha autorizzato l’uso di dotazioni non a norma? Lo staff dell’ex generale Sementa stava preparando un dossier che doveva spiegare la dinamica dei fatti di via Brin, che fine ha fatto? Sarà reso pubblico? Il neo comandante Auricchio ha affermato che ci saranno più agenti in strada, sarà quindi smantellata la squadra speciale? L’equilibrio tra “il modello Sementa e l’austerità” sarà in continuità con la politica dei grandi blitz?  So bene che difficilmente il sindaco risponderà alle domande poste su un blog. Mi auguro, però, che gli illustri colleghi che seguono le faccende del Palazzo troveranno il tempo per porre alcuni di questi quesiti. In un momento così tribolato per la Giunta “orange” la memoria potrebbe tornare utile. Per non ripetere gli errori del passato recente. E, magari, per restare coerenti alla posizioni nazionali del sindaco su tensioni sociali e ordine pubblico.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.