COVID-19, INPS IN TILT E ASSEGNI FAMILIARI A RISCHIO: L’ALLARME DEI CONSULENTI DEL LAVORO

 

Caos Inps, sito in panne, informazioni frammentante e discriminazioni riguardanti gli assegni familiari tra Cig e Fondi integrativo salariale. A denunciarlo sono i consulenti del lavoro.

“In Sicilia le aspettative create dagli annunci del governo nazionale sugli aiuti previsti dal decreto ‘Cura Italia’ per affrontare i gravi disagi economici provocati dalla pandemia di Covid-19 stanno acuendo le tensioni sociali perche’ le promesse non corrispondono ai risultati”.

Lo ha denunciato Antonino Alessi, presidente dell’Ordine dei consulenti del lavoro di Palermo, intervenendo agli Stati generali della categoria per chiedere “immediate modifiche al decreto” in fase di conversione in legge. “I ritardi sui pagamenti, e gli errori nelle norme che rischiano addirittura di trasformare imprese e lavoratori in debitori, in questo degradato contesto hanno gia’ alimentato reazioni che si riversano come boomerang in primo luogo sulle nostre attivita’ professionali coinvolgendo le nostre case trasformate in centrali operative – e’ la denuncia -. In diversi casi in provincia di Palermo nostri colleghi hanno dovuto richiedere l’intervento delle forze dell’ordine per sedare animati assedi alle loro abitazioni, con le famiglie coinvolte in momenti di paura. I consulenti del lavoro dall’inizio dell’emergenza stanno facendo miracoli per la protezione economica di clienti e dipendenti sacrificando famiglie e salute, lavorando da casa h24, con molte nostre colleghe mamme che devono conciliare eroicamente anche i doveri verso i figli. Ci attendiamo da politica e istituzioni altrettanto impegno per mitigare gli effetti di norme pensate e scritte in fretta”.

Intanto con la circolare 47/2020 l’Inps ha confermato l’esclusione dell’erogazione degli assegni nucleo familiare per i dipendenti in sospensione con diritto al trattamento del Fondo di Integrazione Salariale (FIS).

Lo scrive il portale 7grammidilavoro.com che prosegue: “Questa esclusione marca una profonda differenza tra i dipendenti percettori di CIGO, in quanto il Dlgs 148/2015 garantisce a questi, anche durante il periodo di sospensione dal lavoro, l’ANF. La stessa garanzia è riconociusta ai percettori di cassa integrazione guadagni in deroga, laciando di fatto solo i dipendenti percettori di FIS unici esclusi nel panorama attuale degli ammortizzatori sociali COVID 19”.

Su questo punto rischiano le famiglia composte da persone con disabilità. “Tra l’altro verrebbero maggiormente colpite le famiglie in cui sono presenti persone con disabilità – conclude il portale – che come noto fruiscono di importi maggiori di ANF, in un momento in cui ci sono richieste di misure a sostegni dei c.d. caregiver familiari (soggetti che prestano assistenza a persone con disabilità), che spesso sono lavoratori dipendenti che percepiscono la prestazione dell’assegno familiare”.

(Fonte: agenzia Dire)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.