FONDI COESIONE, IL REBUS DEL DOCUMENTO CHE TOGLIE SOLDI AL SUD: SCATTA INTERROGAZIONE PARLAMENTARE

“Il governo faccia chiarezza sull’esistenza di una bozza di documento denominato ‘L’Italia e la risposta al Covid-19’, elaborato ad aprile 2020 dal Dipartimento per la programmazione e il coordinamento della politica economica della Presidenza del Consiglio dei ministri, che proporrebbe due proposte volte a modificare la normativa vigente in materia di destinazione delle risorse economiche alle regioni del Sud Italia”.

Lo dichiarano i deputati d Fratelli d’Italia Marcello Gemmato, Edmondo Cirielli, Wanda Ferro, Carolina Varchi, Ella Bucalo, Salvatore Deidda, Ylenja Lucarelli, Salvatore Caiata e Davide Galantino annunciando una interrogazione. La notizia su questa bozza era stata già denunciata dalla parlamentare Pezzopane e anche da alcuni settori della società civile del Mezzogiorno come il presidente di Legacoop Puglia Carmelo Rollo

“Vogliamo sapere – proseguono i deputati di FDI – quali siano le eventuali modifiche alle percentuali di riparto delle risorse del ‘Fondo sviluppo e coesione’ che si vorrebbero modificare (Ciclo di Programmazione 2014-2020 ), e che attualmente prevedono l’80% destinato alle regioni del Mezzogiorno e il 20% destinato alle regioni del Centro-Nord. Inoltre, chiediamo se realmente il governo intenda sospendere la cosiddetta regola del 34% nella assegnazione degli stanziamenti statali ordinari in conto capitale, che attualmente prevede in nome del principio del riequilibrio territoriale, il criterio di assegnazione differenziale di risorse aggiuntive a favore degli interventi nei territori delle regioni del sud disponendo che le Amministrazioni centrali dello Stato si debbano conformare all’obiettivo di destinare agli interventi in queste regioni un volume complessivo annuale di stanziamenti ordinari in conto capitale proporzionale alla popolazione di riferimento”.

“Infine – concludono gli esponenti di FDI – chiediamo di sapere quali iniziative intenda adottare l’esecutivo al fine di assicurare comunque un congruo ed adeguato riparto di risorse in favore delle regioni del Sud affinche’ si possa garantire sempre il riequilibrio territoriale tra le diverse zone del Paese nonche’ lo sviluppo della coesione economica, sociale e territoriale e la rimozione degli squilibri economici e sociali del Paese cosi’ come disposto dall’articolo 119 della Costituzione della Repubblica italiana”.

(Fonte: agenzia Dire)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.