IL PAESE SULL’ORLO DEL BARATRO: DAL RECOVERY FUND DARE 40 MILIARDI A POVERI E LAVORATORI

Ci vorranno ancora mesi di trattative. Poi nel nostro Paese arriverà un fiume di soldi. Con il Recovery Fund sono 172 miliardi stanziati dall’Unione Europea per l’emergenza Covid-19 in Italia, la metà sono a fondo perduto mentre 91 in prestito. Per l’Italia arriveranno 81 miliardi da poter spendere in questa crisi senza precedenti.

La metà degli italiani ha difficoltà a pagare il fitto di casa e la rata del mutuo. Secondo le previsioni più rosee entro il 2020 si perderanno 500mila posti di lavoro, secondo Confindustria 1 milione di persone perderanno l’occupazione. Intanto i ritardi su misure tampone come cassa integrazione e bonus hanno acuito la sofferenza sociale di famiglie monoreddito, partite Iva, pensionati con figli a carico, lavoratori dipendenti e persone con lavori informali o a nero.

Negli ultimi due mesi, dal 3 marzo al 5 maggio, la porta dell’Help center di Roma Termini si è aperta quasi 1300 volte: ad entrare per chiedere aiuto non solo persone senza dimora, ma anche operai rimasti senza lavoro, famiglie in cerca di cibo e vestiti.

Le piazze si riempiono di proteste di diversi settori come i lavoratori dello spettacolo, dei disoccupati e l’estrema destra che soffia sul fuoco delle tensioni sociali. È di oggi la notizia di un cameriere che si è tolto la vita dopo aver ricevuto la notizia dei tagli al personale nell’albergo dove lavorava. Si sta abbattendo una crisi che al confronto quella del 2008 è una passeggiata.

Che fare?

Serve un Piano che dirotti almeno 40 miliardi del Recovery Fund alle fasce povere e alla detassazione del costo del lavoro, tenendo conto dei maggiori indici di fragilità sociale nel Mezzogiorno. Bisogna rafforzare un reddito di cittadinanza e dare respiro ai redditi da lavoro e da pensione oltre a quelli delle piccole imprese, dell’artigianato, del commercio e del terzo settore.

Banche e associazioni di impresa chiedono che nell’attesa il Governo presenti un pacchetto di riforme per rilanciare la domanda: “utilizzare fin da subito tutte le risorse e gli strumenti che l’Europa ha già messo a disposizione, a partire dai fondi per sostenere i costi diretti e indiretti dell’emergenza sanitaria”.

Ora il Governo deve decidere qual è la politica economica da attuare. Se vuole continuare il dettato liberista del “dare i soldi ai poveri è assistenzialismo, darli alle imprese è sviluppo” oppure cambiare del tutto gli interessi in gioco. Ci sono le mafie che stanno operando un’offensiva di infiltrazione nell’economia “legale” attraverso i propri capitali per rilevare aziende in crisi.

C’è da mettere in campo un intervento pubblico che rimetta al centro la sanità pubblica, scuola e università, il welfare e i servizi pubblici come il trasporto. Ci sono 172 miliardi pronti per il Paese: è un’occasione per salvarci dal disastro. E per farlo sarà necessario un vasto movimento popolare che rivendichi il diritto al futuro.

 

Autore: Giuseppe Manzo

Journalist, press office, social media manager, blogger, author

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.