QUEI 12OMILA ETTARI CHE FANNO GOLA AI CLAN: 21 PROIETTILI A SALVE ALLA MASSERIA CONFISCATA

La visita del senatore Sandro Ruotolo alla Masseria Ferraioli

Ventuno proiettili, a salve.  Li ha trovati ieri mattina Giovanni Russo, direttore della Masseria Antonio Ferraioli: un terreno confiscato ai clan di Afragola. A denunciarlo è stato proprio Giovanni sulla sua pagina facebook pubblicando le foto dei proiettili e non solo: “Abbiamo visto la carcassa abbandonata di un auto. E poi gli affari del clan Moccia, i dirigenti comunali e notabili di paese col divieto di dimora, le porte della Masseria divelte che, dopo l’ennesimo furto, non abbiamo più ritenuto “utile” aggiustare. E poi arriviamo noi, alle 7.30 del mattino del primo ottobre, e troviamo nel piazzale della Masseria 21 colpi a salve”.

Nella stessa giornata di ieri si sono recati alla Masseria il senatore Sandro Ruotolo, il segretario del Pd Napoli Marco Sarracino e il presidente Dem Paolo Mancuso: “Fanno gola i 120mila metri quadri di terreno agricolo – scrive Ruotolo – e in particolare alcuni lotti strategici. Con altri parlamentari depositeremo un’interrogazione urgente rivolta al ministro dell’Interno e chiederemo un incontro al sindaco di Afragola. Progetti e soldi dei Pon stanziati che si perdono per anomale inerzie della burocrazia. Su quel bene anche l’amministrazione comunale deve dare segnali inequivocabili. Parlando con i responsabili dell’associazione abbiamo colto il loro disagio di fronte alle continue minacce: danneggiamenti, cancelli divelti, sversamento dei rifiuti, ritrovamento di carcasse di auto davanti alla Masseria, furti di attrezzi agricoli. Questa è una battaglia che diventa prioritaria per noi”.

Quattro anni di attesa e ostilità

Dal primo marzo 2017 infatti l’associazione di Giovanni Russo è tra i soggetti gestori del più grande bene confiscato della provincia di Napoli: 120.000 metri quadri di terreno agricolo conosciuti come la Masseria Antonio Esposito Ferraioli di Afragola, appunto.

“Dopo questi 4 anni, però, posso affermare che Afragola, così come tutti i nostri territori, è indubbiamente composta da una stragrande maggioranza di brave persone ed onesti lavoratori… e questa cosa l’ho dovuta dire spesso, troppo spesso”, racconta Giovanni.

Alla Masseria Ferraioli sono venute persone da tutta Europa, non solo Italia, e quando vengono qui, inevitabilmente, passano per cumuli e cumuli di rifiuti abbandonati di fianco a telecamere nuove fiammanti. “Così capita che ti chiedono ‘perché? Com’è possibile? E le Istituzioni?’

E poi sentono la storia della Masseria, abbandonata per oltre 20 anni, recuperata coi pugni e coi denti da 5 soggetti vincitori della gara pubblica nel 2017 e che, beneficiaria di un finanziamento di 1.500.000,00 di euro dal giugno 2018, non vede il minimo passo in avanti per iniziare dei lavori che rappresenterebbero una ricchezza inestimabile per l’intero territorio”, aggiunge desolato Russo.

E c’è da chiedersi ancora: “perché? Com’è possibile? E le Istituzioni?”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.