LAVORO: IL TRIBUNALE DI NAPOLI NORD REINTEGRA GIULIANO GRANATO ALLA KLEVERS

Dopo circa due anni dal suo ingiustificato licenziamento Giuliano Granato – operaio alla Klevers Italiana di Arzano (Napoli) – ha vinto la causa di lavoro presso il Tribunale di Napoli Nord. È arrivata la  sentenza che accoglie il ricorso, approntato dall’avvocato Pino Marziale, che stabilisce la nullità del licenziamento a causa “dell’insussistenza del giustificato motivo e perché ritorsivo per motivi sindacali”. Il giudice ha disposto il reintegro di Giuliano nel posto di lavoro e il completo risarcimento pari a tutte le retribuzioni non ricevute.

“È arrivata, dunque, ad una positiva conclusione una vicenda giudiziaria e politica particolarmente odiosa che colpiva – con il metodo della rappresaglia – un operaio che aveva osato introdurre il sindacato – l’Unione Sindacale di Base – in una fabbrica dove, evidentemente, non era gradita la presenza di una voce che provava a tutelare e rappresentare le esigenze delle lavoratrici e dei lavoratori”, scrive il sindacato di base della Campania.

In questi lunghi mesi a Giuliano sono arrivati attesti di stima e di solidarietà da parte di tutta l’Unione Sindacale di Base oltre, naturalmente, a quelli di numerose associazioni e di variegati movimenti di lotta da Napoli e da ogni parte d’Italia.

“A difesa di Giuliano – scrive l’Usb Campania – ha agito non solo la competenza del suo collegio difensivo ma anche la continua mobilitazione (il corteo ad Arzano nei giorni successivi al licenziamento, i continui presidi alla sede del Tribunale dove si svolgevano le udienze) che ha costantemente denunciato il clima dispotico che si registra nella miriade di piccole e medie imprese dell’area metropolitana di Napoli dove i diritti sindacali e la dignità dei lavoratori sono derisi e calpestati.”

 Da questo punto di vista la vittoria giudiziaria di Giuliano Granato “è un incoraggiamento a rompere questa asfissiante cappa antisociale per avviare un serio lavoro di sindacalizzazione di migliaia di lavoratori a cui vengono lesi diritti e consistenti quote di salario”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.