ASL NAPOLI 2: “PREMATURO RIAPRIRE LE SCUOLE”. DOMANI LA DECISIONE DELLA REGIONE

“Ieri abbiamo registrato una bella notizia: 600 persone dichiarate guarite. Il contagio nella Napoli 2 si è stabilizzato, dopo i 1000-1200 al giorno e ora siamo alla metà di positivi”. Lo ha dichiarato il direttore generale dell’Asl Napoli 2 Antonio D’Amore (a sinistra nella foto) intervenendo nella trasmissione Barba&Capelli condotta da Corrado Gabriele su Radio Crc Targato Italia e in onda dal lunedì al venerdì dalle 7 alle 9.

Per D’Amore si vedono i primi risultati della zona rossa: “le azioni messe in atto stanno dando i loro frutti come per la scuola e altre limitazioni. La pressione sui pronto soccorso si è alleggerita con l’alto numero di contagi e per il panico delle persone che ha determinato un afflusso difficile da gestire. Basti pensare che con la sindrome influenzale stagionale le classi erano decimate perché c’era alto tasso contagio. È prematuro riaprire le scuole, la zona rossa è in vigore da 6 giorni ed è presto per vederne i frutti. Gli effetti si vedono dopo 15 giorni, capisco le ragioni per allentare il lockdown ma oggi ce lo possiamo permettere? Il periodo di Natale vorremmo tutti viverlo come in passato ma quest’anno deve essere gestito con moderazione. Mi auguro che dall’8 dicembre in poi si potranno riaprire le attività commerciali ma dipende da noi, dobbiamo limitare i nostri comportamenti”.

Poi un plauso al personale sanitario: “mi lasci ringraziare i medici e gli infermieri, i responsabili del pronto soccorso del San Giuliano perché siamo stati bersaglio di notizie false. È una grande soddisfazione ricevere la lettera del professore Fernando Gombos. So che il personale è sotto stress e stanno facendo qualcosa di inimmaginabile da 8 mesi a contatto con il contagio. A marzo e aprile erano eroi, oggi purtroppo l’attenzione dell’opinione pubblica è minore.

In conclusione in Campania per D’Amore non si poteva fare di più: “da un anno siamo usciti dal commissariamento, impossibile costruire in 3 mesi ospedali e pronto soccorso: ripensiamo alla sanità in toto, agli errori del passato e da lì troveremo la cura per superare questi momenti”.    

Nella stessa trasmissione Roberta Santaniello ha ribadito che domani ci sarà la decisione: “domani verificheremo se ci sono le condizioni di una riapertura delle scuole e capire gli effetti di questi misure. L’idea era quella di aprire uno screening a tutti bambini organizzando anche un numero verde con interfaccia per i cittadini. Oggi c’è una maggiore paura delle mamme per la presenza in aula e domani come Unità di crisi si deciderà una eventuale proroga per la riapertura”. 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.