NATALE, CAPODANNO E VACCINI: PARLA IL PREMIER CHE INTERVIENE ANCHE SULLE POLEMICHE

“La strada per sconfiggere la pandemia è ancora lunga, dobbiamo scongiurare la terza ondata che potrebbe arrivare già a gennaio e potrebbe avere la stessa violenza della prima e delle seconda”. Lo dice Giuseppe Conte, parlando a palazzo Chigi durante la conferenza stampa di presentazione del Dpcm.

Natale e 31 dicembre

“Servono impegno e attenzione, dobbiamo continuare lungo questa strada e attendere che il piano vaccini sia pronto e così le cure, che arriveranno col nuovo anno. Sarà un Natale diverso dagli altri, non meno autentico”, dice il premier che poi sul capodanno sottolinea: “Il 31 dicembre sera non sara’ possibile organizzare veglioni e cene. I ristoranti degli alberghi chiuderanno alle 18 e dal quel momento sara’ possibile solo il servizio in camera”.

Sulla raccomandazione dei comportamenti durante le festività afferma: Dobbiamo intenderci: noi non possiamo entrare nella case delle persone e imporre delle stringenti limitazioni, ma introduciamo una forte raccomandazione, cerchiamo tutti di rispettarla. Quella di non ricevere a casa persone non conviventi, e’ una cautela essenziale per noi stessi e per proteggere i nostri cari”. 

Vaccini facoltativi

Conte spiega perché non per rendere obbligatoria la vaccinazione anti-covid: “sui vaccini bisogna mantenere un approccio liberale. Se siamo in condizione di gestire la curva del contagio non sarà necessario imporre un trattamento sanitario obbligatorio salvaguardando la facoltatività della vaccinazione”.

Deroga per non autosufficienti

Tra le deroghe nei ricongiungimenti familiari per “casi di necessità rientra anche l’iniziativa di prestare assistenza alle persone non autosufficienti”, dichiara il presidente Conte.

Le polemiche

Sulla questione del Mes Conte è sollecitato dalle domande dei giornalisti:”Il giorno 9 dicembre non c’è da decidere se attivare o meno il Mes. Verrò in Parlamento e farò delle comunicazioni per spiegare i temi del Consiglio europeo del giorno dopo. Condivideremo tutti questi passaggi con le forze di maggioranza. La riforma del Mes e eventualmente l’attivazione sono decisioni che passeranno sempre dal Parlamento. Non drammatizziamo i passaggi: le forze di maggioranza ci sono state, ci sono e ci saranno”. 

E poi la vicenda che riguarda la sua compagna sul presunto utilizzo improprio dell’auto di servizio: “ho ricevuto attacchi personali che questa volta hanno coinvolto anche la mia compagna, e questo dispiace in particolar modo”, dice il premier Giuseppe Conte. Poi aggiunge: “io e la mia compagna non siamo stati a cena il 31 ottobre in un ristorante. Come poteva essere possibile se il giorno prima avevo fatto un dpcm che chiudeva i ristoranti la sera? Sarebbe stato gravemente scorretto da parte mia. Ed è quindi falso e diffamatorio sostenere che siamo andati a cena. L’ultima volta che siamo stati in un ristorante è stato il 25 settembre o comunque a fine settembre”.

Poi Conte annuncia in anteprima che lunedì ci sarà un Consiglio dei ministri straordinario ad hoc sulla governance del Recovery Fund.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.