SCAMPIA, CAMPO ROM ZONA ROSSA DOPO 95 POSITIVI E LA LEGA VA ALL’ATTACCO DI DE LUCA

Istituita una zona rossa nel campo rom situato lungo la Circumvallazione esterna di Scampia, a Napoli. Lo dispone un’ordinanza del presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, in vigore da oggi fino al 13 dicembre. Il provvedimento si è reso necessario a seguito delle attività di screening effettuate dall’Asl Napoli 1 Centro tra i residenti del campo nomadi. In particolare, su 370 tamponi eseguiti, sono risultate positive al Covid 95 persone, con un rapporto tamponi-contagiati del 25,68%.

L’ordinanza obbliga chiunque vive nel campo a osservare l’isolamento domiciliare, con divieto di allontanamento dalle proprie abitazioni, fatte salve esigenze sanitarie o connesse all’acquisizione di generi di prima necessità. È fatto divieto di transito in ingresso e in uscita dal campo rom, tranne che per gli operatori socio sanitari, per il personale impegnato nei controlli e nell’attività di assistenza. Non e’ consentita l’uscita dall’area indicata per lo svolgimento di attività lavorativa.

L’ordinanza prevede che il Comune di Napoli, d’intesa con l’unità di crisi regionale e con il supporto della protezione civile e del volontariato, “assicura ogni forma di assistenza ai cittadini anche attraverso la somministrazione di derrate alimentari e generi di prima necessità per tutta la durata di efficacia del presente provvedimento”. “Nell’area interessata dal provvedimento e ai relativi varchi di ingresso – si legge ancora nell’ordinanza – è assicurato, da parte delle competenti forze dell’ordine, dall’esercito e dalla polizia municipale il necessario presidio, secondo quanto disposto dalla prefettura e dalle altre autorità competenti”. Prevista la permanenza di una postazione dell’Asl all’interno del campo per attivita’ ambulatoriale.

L’Asl Napoli 1 Centro rileva la necessità di disporre ulteriori restrizioni nel campo rom “in considerazione sia delle condizioni di vita sociale della popolazione, che vede promiscuità tra i nuclei abitativi dei numerosi insediamenti abitativi, sia della diffusa inosservanza delle basilari regole igienico-sanitarie in materia di Covid-19”.

Lega all’attacco: “lanciafiamme solo contro i campani”

“La situazione igienico sanitaria dei campi rom è diventata insostenibile. Ormai sono fuori controllo. Ma questo il governatore De Luca, così come il sindaco de Magistris, lo sa benissimo. L’alto numero dei contagi indica che le misure di prevenzione e distanziamento non funzionano all’interno degli insediamenti”. Lo denuncia il consigliere regionale della Lega in Campania Severino Nappi dopo l’istituzione di una zona rossa nel campo rom della Circumvallazione esterna di Napoli.

“Chi avrebbe dovuto monitorare quello che accade in quei luoghi “franchi” ha fallito clamorosamente. Eppure – dice Nappi -, nonostante le nostre denunce, dopo che per mesi non ha fatto alcunche’, solo ora decide di istituire la zona rossa per l’insediamento abusivo di Scampia. Siamo felici che per una volta De Luca abbia ascoltato le opposizioni, intanto pero’ ha messo a rischio la salute e la sicurezza dei cittadini. Il lanciafiamme lo riserva solo ai campani, evidentemente”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.