NAPOLI STREET VIEW, RACCONTARE LA VITA URBANA COME UN FOTOGRAFO DI STRADA

Il progetto napoli street view, del fotografo e visual-artist Antonio Camerlingo, nasce nel 2019 dalla voglia di raccontare la vita urbana come farebbe un normale fotografo di strada. Napoli e la Campania sono i protagonisti di questa odissea visiva.

Periodicamente, il progetto viene aggiornato attraverso gli screen fotografici di Google Street View svelando la realtà in maniera cruda e viva che permette di vedere parti della città come mai viste prima. La mission è rappresentare gli aspetti più controversi della città partenopea e attraverso le sue immagini, mostrare gli “ultimi”: da prostitute, a mendicanti, a lavoratori, fino agli abitanti dei “vasci”.

Il messaggio della pagina è un inno all’uguaglianza, riassumibile attraverso il celebre detto napoletano: “Stamm tutt’ quant’ sott o stess ciel’”. Napoli Street View nutre anche interesse per una delle forme d’arte più vicine al sentimento popolare, cioè il murales. In particolare attraverso il ritratto di San Gennaro di Jorit a Via Duomo e le opere “gemelle” “Je sto vicino a te” di Daniele Nitti e “A mamm e tutt e mamm” di La Fille Bertha che rappresentano tutto l’amore che un popolo può esprimere nei confronti della propria città.

Il compito è rendere ai cittadini problemi che attanagliano la città, quanto delle bellezze che talvolta ignoriamo che la rendono unica, con la speranza di suscitare riflessione ad agire a favore di un autentico cambiamento culturale. L’arte si addentra sempre di più nell’universo del digitale adeguandosi ai tempi moderni attraverso la cattura di screenshot tramite l’utilizzo dei servizi di Google Street View, pagina web utilizzata pressocchè nell’uso quotidiano.

 Le immagini “catturate” sono spesso comiche, tragiche, bizzarre, surreali, rappresentative di una città spesso contraddittoria come il capoluogo campano, i comuni limitrofi, la periferia e le altre province come ad esempio Caserta. Occorre quindi una certa sensibilità nel catturare le immagini. “Napoli è una città che regala, ma anche che toglie molto.” Infatti il progetto è stato anche molto contestato e in alcuni casi anche ostacolato poichè le foto raccontano meglio, in maniera più diretta, più impattante, la realtà di un luogo e la cosa non fa piacere a tutti. In quest’ottica napoli street view è molto più che un singolare progetto fotografico, è un mezzo utilissimo per guardare con la lente d’ingrandimento il modo di rappresentare la realtà dell’uomo contemporaneo.

L’intero progetto infatti è saldo su diverse categorie che spaziano dai temi più disparati, con immagini che evocano “la vita urbana” tra… Arte • Amore • Curiosità • Legalità a dimostrazione che il progetto è interessato anche a tematiche sociali e ambientali. In particolare, sono presenti immagini di cumuli di spazzatura, ma anche foto di denuncia sociale contro il caporalato, lavoro minorile o l’inciviltà.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.