NAPOLI, ECCO PERCHÈ BASSOLINO E MARESCA “RISCHIANO” DI ANDARE AL BALLOTTAGGIO PER IL SINDACO

Giuseppe Manzo – La fase di emergenza Covid e crisi pone al centro altre priorità per i napoletani. Eppure la politica sotto al Vesuvio è concentrata sul futuro sindaco e, soprattutto, sulle alchimie tra divisioni e scontri interni a coalizioni e partiti.

Luigi de Magistris è un bivio. Quello sul bilancio e sul destino della città ma soprattutto quello personale per la sua carriera politica. Lanciata nell’agone l’ambiziosa assessora Alessandra Clemente sa benissimo che una sua compagine non supererebbe nemmeno il 10%. Allora cerca dialoghi e sponde, approfittando delle divisioni interne a partiti e coalizioni.

Nel Partito democratico il lavoro del giovane segretario Marco Sarracino si scontra da una parte con il tavolo nazionale sulle future Amministrative (Roma, Torino e Napoli) e con la componente deluchiana che vuole prendersi il capoluogo per chiudere il cerchio dei pieni poteri in Campania. Dall’altra parte c’è un “fantasma” vivo e vegeto che analizzeremo più avanti: Antonio Bassolino.

Nel Movimento 5 Stelle, intanto, c’è bufera interna. La lettera dei consiglieri comunali e municipali contro l’alleanza di governo da applicare in città è un macigno che cade sulla testa di Roberto Fico: l’asso che potrebbe essere la sintesi anche sul tavolo romano. Una maretta interna che può trasformarsi in tempesta in un movimento pentastellato con percentuali bulgare nelle periferie appena 2 anni fa.

Se Sparta non ride Atene è disperata. Nel centrodestra è un tutti contro tutti, sia per il voto sul bilancio che per i nomi dei candidati a sindaco. Caldoro non vuole commissariare il Comune e con alcuni settori della Lega è d’accordo con il candidato “civico” Catello Maresca. Da Fratelli d’Italia è arrivato il no al magistrato antimafia avanzando una candidatura “politica” con Sergio Rastrelli.

In questo scenario confuso dove si agitano programmi e idee civiche i nomi forti, soprattutto in una lunga fase di incertezza e smarrimento sociale, potranno dettare legge. E così proprio Maresca e Bassolino rischiano di andare al ballottaggio con le loro eventuali liste e se sapranno giocarsi bene le loro carte.

Da una parte l’uomo forte in momento di insicurezza, il magistrato anticamorra che offre l’immagine di onestà e trasparenza istituzionale. Dall’altra l’ex sindaco uscito indenne da 19 cause giudiziarie e che nell’immaginario resta il primo cittadino del “rinascimento napoletano”: un usato sicuro per una città che vuole certezze e non divisioni.

Al momento resta ben poco, a parte il mito di Diego Maradona che è riuscito a unire le tante Napoli, quella di sopra e quella di sotto, come nessuno mai.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.