IN MANETTE CIRILLO, IL KILLER DEI CASALESI: RUOTOLO RICORDA DOMENICO NOVIELLO

È stato trovato in una casa ad Acerra, nel Napoletano, il latitante Francesco Cirillo, killer dei Casalesi in fuga dallo scorso 20 novembre, il giorno dopo la sentenza Cassazione che conferma a suo carico una condanna in via definitiva a 30 anni per l’omicidio dell’imprenditore Domenico Noviello, avvenuto nel 2008 a Castel Volturno (Caserta).

Cirillo è stato scovato al termine di una operazione congiunta degli agenti della Squadra mobile della questura di Caserta e dei carabinieri del Reparto opertivo di Caserta. Con il suo arresto “lo Stato compie un passo importantissimo nella lotta alla criminalita’ organizzata”.

Queste le parole del senatore del Movimento 5 Stelle Agostino Santillo che ringrazia “gli uomini dello Stato che hanno lavorato all’operazione”.

“Un ringraziamento sentito alle forze dell’ordine che hanno individuato e arrestato il latitante Francesco Cirillo, condannato in via definitiva e riconosciuto tra gli organizzatori dell’omicidio di Domenco Noviello. L’imprenditore denunciò il racket delle estorsione e fu ucciso il 16 maggio 2008, a Baia Verde a Castel Volturno nel Casertano dal gruppo di fuoco della camorra casalese. Siamo vicini ai familiari e a tutto il mondo dell’associazionismo antimafia che opera per affermare i valori della legalità e della giustizia. Domenico Noviello è un simbolo di chi non si piega alla camorra e che si batte per il cambiamento”. Lo dichiara il senatore Sandro Ruotolo del Gruppo Misto che sulla vicenda ha presentato, la settimana scorsa,una interrogazione rivolta al ministro dell’Interno.  

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.