DOPO 31 ANNI LA EX FIDANZATA È L’UNICA INDAGATA DELL’OMICIDIO DI DENIS BERGAMINI

Ci sono voluti 31 anni per arrivare a un presunto colpevole dell’omicidio di Denis Bergamini. Non fu suicidio ma il numero 8 del Cosenza fu ucciso e l’unica indagata resta la ex fidanzata: la notizia è stata resa nota con un comunicato del Procuratore facente funzioni di Castrovillari, Simona Manera.

La sera del 18 novembre 1989 all’età di 27 anni Bergamini viene trovato morto sulla statale jonica 106 all’altezza di Roseto Capospulico: “suicidio”, questa la versione che sarà ribaltata dalla perizia dei Ris nel 2012. In questi lunghi anni sono stati gli ultrà del Cosenza, gli ex calciatori e amici di Denis Michele Padovano e Carlo Petrini a non credere all’ipotesi del suicidio.

Archiviate le posizioni dell’autista del Tir sotto le cui ruote Denis Bergamini, il centrocampista del Cosenza, venne trovato cadavere la sera del 18 novembre 1989 e quella del marito della donna, che inizialmente risultava indagato per favoreggiamento in relazione alle dichiarazioni fornite dalla moglie in fase di escussione come teste.

“Abbiamo appreso della notizia della chiusura delle indagini – ha spiegato in un video pubblicato su facebook – l’avvocato della famiglia Bergamini, Fabio Anselmo, parlando anche a nome della sorella di Denis, Donata – da un comunicato stampa della Procura di Castrovillari. Non sappiamo che fine abbiano fatto gli altri indagati, sappiamo, comunque, che Isabella Internò rimane accusata di omicidio pluriaggravato e quindi, come tale, strettamente punibile con l’ergastolo (non soggetto a prescrizione)”.

 “Ci auguriamo – aggiunge il legale della famiglia – di poter visionare presto gli atti di indagine e del fascicolo. Per questo abbiamo già inoltrato una richiesta via pec in tal senso.

Auspichiamo davvero che la procura ci rilasci copia dei documenti perché credo che la famiglia Bergamini ne abbia pieno diritto così come forse avrebbe avuto diritto di conoscere gli esiti in altro modo”.

L’inchiesta era stata riaperta sei anni fa dall’ex procuratore di Castrovillari Eugenio Facciolla e poi proseguita e chiusa dal pm Luca Primicerio. Nell’inchiesta si ipotizza che Bergamini possa essere ucciso e poi coricato sull’asfalto perché fosse investito. Alla base del fatto ci sarebbe stata la fine, per decisione del calciatore, del legame con la donna. 
   

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.