PICCHIA LA MOGLIE DAVANTI AI FIGLI: ARRESTATO A NAPOLI

Ennesimo caso di violenza sulle donne, a pochi giorni dalla morte della giovane Ornella Pinto. Picchia la moglie con calci e pugni davanti ai figli, perché “colpevole” di non aver pulito la casa. I
Carabinieri hanno arrestato ieri a Napoli un uomo di 42 anni gravemente indiziato dei reati di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali aggravate. I militari della Stazione di Barra hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip di Napoli su richiesta del pm della quarta sezione della Procura di Napoli che si occupa di violenza di genere e tutela delle fasce deboli.

Secondo quanto ricostruito dalle indagini, l’uomo pluripregiudicato, residente nel quartiere di Barra, lo scorso 14 febbraio avrebbe aggredito la moglie con calci e pugni, alla presenza di due dei tre figli della coppia, per futili motivi legati alla mancanza di pulizia all’interno dell’abitazione, provocandole lesioni giudicate guaribili in 15 giorni. La successiva denuncia presentata dalla donna e le indagini condotte dai Carabinieri su delega della Procura partenopea, hanno fatto emergere una situazione di disagio familiare molto più grave, caratterizzata da continue violenze e vessazioni che si protraevano sin dal 1999, quando la donna, pur essendo in stato di gravidanza, veniva picchiata circa 3-4 volte al giorno.

I fatti denunciati sono stati in parte anche confermati dai familiari e dai figli della coppia, che per anni hanno dovuto subire il grave e perdurante stato d’ansia e paura all’interno delle mura domestiche. L’uomo èstato portato nel carcere napoletano di Poggioreale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.