NAPOLI, 4 LADRI ARRESTATI IN FLAGRANZA DI REATO NEI PRESSI DELLA STAZIONE GARIBALDI

Luzzara, forzano il posto di blocco dei CC con l'auto rubata, poi finiscono  in un canale: denunciati tre giovani - Oltrepò Mantovano News

Sono 4 le persone arrestate questa notte in città dai Carabinieri del Comando Provinciale di Napoli, due delle quali sono state fermate per ricettazione e resistenza a pubblico ufficiale in piazza Garibaldi. Entrambi stranieri hanno 24 e 
40 anni e sono stati sorpresi dai militari del Nucleo Radiomobile di Napoli in sella ad un motorino rubato nel pomeriggio lungo la riviera di Chiaia. Hanno provato a fuggire ma i carabinieri sono riusciti a bloccarli. Ora sono in carcere in attesa 
dell’udienza di convalida del fermo.

Dovrà rispondere di tentato furto aggravato, invece, un 33enne ucraino già noto alle forze dell’ordine. Anche lui arrestato dai militari del nucleo radiomobile partenopeo, era nel parcheggio davanti all’Ospedale del Mare di Ponticelli e stava rimuovendo il catalizzatore dalla marmitta di un’auto. Per farlo utilizzava una smerigliatrice. Quando è stato bloccato ha confessato: “Stavo facendo il tagliando!”, peccato che fosse ormai sera inoltrata e il proprietario dell’auto non lo sapesse. E’ ora ristretto in camera di sicurezza in attesa di giudizio.

Ancora uno straniero è stato arrestato in Via Brindisi, nel quartiere  Vasto. Di origini marocchine, il 34enne aveva appena rubato un’auto smontando il vetro di una delle portiere. Da un portamonete custodito nel veicolo aveva rubato anche poco più di 8 euro in spiccioli. Anche lui è in attesa di giudizio e risponderà di furto aggravato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.