MESSINA, OPERAZIONE “PROVINCIALE”. SCANDURRA: “SOS IMPRESA AL FIANCO DELLE VITTIME DI ESTORSIONE”

«Non posso che esprimere il più sentito ringraziamento a magistratura e forze dell’ordine per aver ancora una volta inferto un durissimo colpo alla criminalità organizzata sotto la cui egemonia, in questo caso nella città di Messina, finivano soggiogati numerosi cittadini ed imprenditori onesti, costretti a subire le estorsioni».

Lo afferma il vice presidente nazionale di “Sos Impresa – Rete per la Legalità”, Pippo Scandurra, in una nota congiunta, insieme al coordinamento regionale siciliano ed all’associazione di Messina, presieduta da Giuseppe Ruggeri, a seguito dell’operazione condotta da Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia di Stato di Messina, in esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip su richiesta della Procura Distrettuale Antimafia di Messina.

«Purtroppo il fenomeno estorsivo per mano della criminalità organizzata è ancora diffuso e radicato nel nostro territorio – prosegue Scandurra – ma accanto al lavoro di magistratura e forze di polizia, le stesse denunce sempre più frequenti di commercianti ed imprenditori che trovano il coraggio di ribellarsi, ci fanno capire come il vento stia sempre più cambiando. Come Sos Impresa – Rete per la Legalità ribadiamo quindi la totale vicinanza nei confronti delle vittime di racket e usura, disponibili a stare a fianco a loro in ogni momento di un percorso, certamente duro ma meno arduo se compiuto assieme, che partendo dalla denuncia conduce fino alla definitiva liberazione da ogni oppressione per mano criminale».

Il blitz di stamattina

I reati contestati sono quelli di associazione mafiosa, estorsione, trasferimento fraudolento di valori, sequestro di persona, scambio elettorale politico-mafioso, lesioni aggravate, detenzione e porto illegale di armi, associazione finalizzata al traffico di droga, detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti con l’aggravante del metodo mafioso. Per 21 indagati si sono aperte le porte del carcere, mentre altri dieci sono finiti ai domiciliari. Obbligo di firma, invece, per altri due coinvolti nell’inchiesta. L’operazione ha portato al sequestro di due imprese che operano nel settore del gioco e delle scommesse online. Nell’indagine hanno confluito diversi elementi investigativi portati avanti dai carabinieri del Nucleo investigativo del Comando provinciale, dai finanzieri del Gico e dai poliziotti della squadra mobile di Messina.

Gli inquirenti hanno acceso i riflettori su una banda attiva nella zona denominata ‘Provinciale’, capitanata da Giovanni Lo Duca e Salvatore Sparacio, considerati “soggetti di elevatissimo spessore criminale” e finiti in carcere nel blitz di oggi. Gli investigatori hanno poi individuato un altro sodalizio criminale, facente capo a Giovanni De Luca, anche lui in cella, operante nella zona di ‘Maregrosso’. Le due gang si muovevano “in piena sinergia criminale”, come spiegano i magistrati della Dda di Messina. L’indagine, durata circa due anni e avviata dopo la scarcerazione di Lo Duca che era tornato in liberta’ al termine di 13 anni di reclusione, e’ andata avanti con intercettazioni e pedinamenti. L’uomo aveva ripreso in mano el redini dell’organizzazione “proponendosi – e’ la tesi dei magistrati – quale riconosciuto punto di riferimento criminale sul territorio -, capace di intervenire nella risoluzione di controversie fra esponenti della criminalita’ locale”.

Il gruppo guidato da Lo Duca “operava mediante il sistematico ricorso all’intimidazione e alla violenza”, con pestaggi e spedizioni punitive per affermare la propria egemonia sul territorio e controllare le attivita’ economiche della zona. Stessi metodi anche per il recupero delle somme derivanti dal traffico di droga e dalla gestione delle scommesse. Base operativa del clan era il bar ‘Pino’, gestito da Anna Lo Duca, sorella di Giovanni: quest’ultimo trascorreva le sue giornate nell’esercizio commerciale dove incontrava gli associati al clan per pianificare le attivita’ criminali e dove venivano raccolte le scommesse sportive in assenza di licenza e per conto di un allibratore straniero privo di concessione. Il bar, “poiche’ funzionale allo svolgimento delle attivita’ criminali del clan”, e’ stato sequestrato dai carabinieri. Numerosi gli episodi di violenza emersi nel corso delle indagini, “strumentali – dicono dalla procura di Messina – all’affermazione del controllo sul territorio e alla risoluzione delle controversie mediante l’imposizione della volonta’ del clan mafioso”. Il gruppo mafioso capeggiato da Lo Duca, inoltre, gestiva lo spaccio di droga nei quartieri ‘Provinciale’, ‘Fondo Fucile’ e ‘Mangialupi’. La droga proveniva dalla provincia di Reggio Calabria. Gli elementi raccolti nel corso delle indagini hanno poi consentito di contestare il delitto di associazione mafiosa a nove persone, tra le quali, Francesco Puleo e Vincenzo Gangemi, “uomini di fiducia – dicono gli inquirenti – di Lo Duca e dediti al recupero dei crediti con modalita’ estorsive per conto del gruppo”.

Tra gli arrestati anche due donne, Maria Puleo e Anna Lo Duca, entrambe “organiche all’associazione mafiosa”, che avrebbero “provveduto al sostentamento degli affiliati detenuti”. La seconda, inoltre, avrebbe “messo al servizio del sodalizio mafioso il bar a lei intestato”. Numerosi gli episodi di violenza emersi nel corso delle indagini, “strumentali all’affermazione del controllo sul territorio – dicono dalla Procura – e alla risoluzione delle controversie mediante l’imposizione della volonta’ del clan mafioso”. Tra gli episodi contestati anche una spedizione punitiva nei confronti di Giuseppe Selvaggio, “finalizzata” a vendicare uno sgarbo che questi aveva effettuato nei confronti di Giovanni Lo Duca: l’uomo fu malmenato davanti alla moglie e alla figlia adolescente, riportando varie fratture e lesioni procurategli con un tirapugni in metallo e sotto la minaccia di una pistola.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.