CONTRABBANDO IN CAMPANIA E PUGLIA: SEQUESTRATI BENI PER 50 MILIONI E 37 ARRESTI

Sono 37 le persone arrestate (21 in carcere e 16 ai domiciliari) nell’operazione ”Febbre oro nero”, condotta dai Carabinieri e dalla Guardia di finanza e coordinata dalle Dda di Potenza e Lecce, per ingenti profitti illeciti ottenuti con il contrabbando di prodotti petroliferi. Altri sei indagati sono stati raggiunti da divieti di dimora e due da interdittive per l’esercizio delle proprie funzioni. Tra gli arrestati ci sono esponenti della famiglia casertana Diana, di San Cipriano d’Aversa, ritenuta vicina ai Casalesi, e già coinvolta nell’operazione ”Re Mida” della Procura di Napoli contro il traffico di rifiuti mentre in provincia di Taranto è coinvolto il cosiddetto gruppo Cicala.

L’attività illecita di contrabbando di prodotti petroliferi si era saldata tra i due sodalizi, uno operante nel territorio campano e lucano e l’altro nel territorio tarantino ma dopo alcuni anni sono emersi degli attriti tanto da pianificare l’omicidio di Raffaele Diana, progetto poi abbandonato. Secondo gli inquirenti, tali fibrillazioni non sono sfociate in una guerra solo per il reciproco interesse a mantenere le attività illecite perpetrate, estremamente remunerative, e quindi non sollevare attenzioni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.