INQUINAMENTO AMBIENTALE IN CAMPANIA: SEI ARRESTI

carabinieri-paletta-670x443-670x381

In un’indagine della Dda di Potenza, i carabinieri del comando provinciale di Salerno hanno eseguito sette misure cautelari (sei arresti e un obbligo di dimora) con l’accusa di traffico organizzato di rifiuti e inquinamento ambientale. Si tratta di un filone autonomo dell’inchiesta denominata ”Febbre oro nero” condotta dalla Dda di Potenza insieme a quella di Lecce sugli intrecci criminali nel contrabbando di prodotti petroliferi. In questa ulteriore indagine sono stati ricostruiti sversamenti di rifiuti tossici in terreni nell’area del vallo di Diano, in provincia di Salerno, in territori protetti sotto il profilo naturalistico mentre analoghi smaltimenti illeciti sono stati sventati. Gli arrestati sono tutti della provincia di Salerno.

Luigi Cardiello, 77enne di Sant’Arsenio, è finito in carcere ed è ritenuto dagli inquirenti l’elemento centrale. L’uomo è stato già coinvolto in indagini delle Procure di Napoli e Santa Maria Capua Vetere in materia ambientale. Altri cinque indagati sono stati sottoposti ai domiciliari.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.