TERRA DEI FUOCHI: “I ROGHI CONTINUI PROVOCAZIONE CONTRO LO STATO PER IL CONTROLLO DEL TERRITORIO”

La grave situazione a Giugliano: l’allarme di Associazione Caponnetto contro le mafie (immagine repertorio)

Le cronache e i cittadini della zona raccontano i roghi di rifiuti nel comune di Giugliano, in località ASI.

“Ancora Terra dei Fuochi. Eventi che si ripetono uguali a se stessi da mesi con la montagna di rifiuti, soprattutto di origine industriale, accumulati abusivamente in una mega discarica, che vengono dati quotidianamente alle fiamme con gravissime conseguenze sull’ambiente circostante e sulla salute della comunità ivi insediata”, dichiara l’Associazione Caponnetto contro le mafie.

“L’SOS lanciato dall’Amministrazione Comunale – afferma la segretaria nazionale Simona Ricotti – è drammatico e lascia intravedere una situazione emergenziale che ormai è impossibile ignorare. L’irrimandabile individuazione dei responsabile deve vedere un impegno eccezionale degli organi inquirenti e l’utilizzo di risorse altrettanto eccezionali; ma non può certo essere alibi per un immobilismo attendista che non è più accettabile i cui effetti ricadono sulla pelle degli uomini e delle donne che abitano quelle terre”.

“Quei roghi sono una provocazione allo Stato e le Istituzioni – prosegue – e Stato ed Istituzioni devono reagire con la forza e la determinazione di cui sono capaci: si utilizzi l’esercito per una veloce azione di rimozione di quei rifiuti e si faccia presidiare il territorio per evitare ulteriori scarichi; si renda immediatamente operativa la promessa e già pronta Caserma dei Vigili del fuoco a Giugliano ma, soprattutto si avvii una seria azione di inchiesta sul territorio partendo da controlli sulla gestione e la tracciabilità dei rifiuti fino allo smaltimento,  in tutte quelle realtà produttive i cui rifiuti sono per tipologia simili a quelli individuabili nella “montagna” nella zona industriale di Giugliano”.

“In altre parole lo Stato faccia sentire la sua presenza e non lasci quel territorio in mano a quella criminalità organizzata che sta giocando il suo braccio di ferro per il controllo dello stesso”, conclude Ricotti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.