NAPOLI, CASO RAGAZZO TRANS AL VICO. I-KEN: “SCUOLA FRIENDLY, DA PRESIDE GRANDE ACCOGLIENZA”

Caso bagni e ragazzo trans al liceo Vico di Napoli. Ieri l’associazione I-Ken ha accompagnato la famiglia del giovane ragazzo trans gender all’incontro con la dirigente scolastica dell’Istituto sul tema della inclusione e della non discriminazione nella scuola in cui un alunno: la sua classe avevano cominciato uno sciopero finalizzato al riconoscimento di alcuni diritti “nuovi” per la scuola e per la persona coinvolta, derivanti dalla condizione T.

Alla riunione erano presenti sia l’associazione i Ken che l’associazione Arcigay di Napoli, che hanno potuto dialogare e confrontarsi con la scuola, con la famiglia del giovane studente ed i rappresentati di classe della III H.

“Dal canto nostro – spiega I-Ken – possiamo affermare senza alcun dubbio che il clima che si respirava era disteso e di totale disponibilità, di ascolto e di attenzione. La preside Clotilde Paisio ci è apparsa sufficientemente motivata ad ascoltare e ad accogliere proposte che fornissero agli studenti ed alle studentesse della sua scuola ed al personale docente, mezzi e strumenti per rendere la scuola maggiormente inclusiva”.

La scuola, come ricordato dalla stessa dirigente, ha già in passato accolto associazioni LGBT per una comunicazione contro le discriminazioni. “La dirigente ha mostrato interesse ed apprezzamento per la capacità della classe di fare gruppo a protezione dello studente trans gender – aggiunge l’associazione – seppure, si è riservata di manifestarci il proprio dispiacere rispetto ad alcune informazioni divulgate e probabilmente frutto di fraintendimento e incomprensione”.

Per  è I-Ken c’è “un atteggiamento Friendly” della scuola che ha manifestato adesione ai principi e accoglimento alle richieste degli studenti e delle studentesse a cui ha aggiunto “la disponibilità della scuola ad accogliere progetti e collaborazioni con le associazioni del territorio” per una “scuola aperta ed inclusiva”.

“Ha offerto disponibilità alla famiglia ed alla nostra associazione ad incontrare lo studente per trovare insieme una dimensione di piena inclusione e sostenibilità per ciò che resta di questo anno scolastico, praticamente inesistente”. E aggiunge: “la preside ha dunque rinnovato i propositi per riprogrammare per il prossimo anno scolastico iniziative e formazione, anche realizzando quanto previsto dalla recente legge regionale contro l’omofobia e trans fobia della Regione Campania”.

In conclusione la famiglia dello studente del Vico tiene a comunicare tramite l’associazione i Ken e gli sportelli Rainbow Center Napoli di aver ricevuto dalla scuola e dalla Preside Paisio,  “accoglienza e disponibilità ad ascoltare le richieste ed i bisogni del loro figlio e di essere uscita dall’incontro certa che da questo episodio gli attori – la scuola, i ragazzi, le famiglie – potranno tutti insieme riceverne un beneficio in termini di consapevolezza e di benessere anche attraverso il supporto dell’ associazione i Ken”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.