DA ERIKA E OMAR A ELENA E GIOVANNI: “PADRE VOSTRO” DI LOU PALANCA INDAGA TRA ORRORE E PERDONO

(G. M. ) – Elena e Giovanni hanno ucciso a coltellate il padre di lei e sono accusati di aver progettato di uccidere anche la madre e la sorella di Elena. Venti anni fa, per l’appunto, Erika e Omar uccisero la madre e il fratello di lei desistendo strada facendo dal proposito iniziale di uccidere anche il padre. Ed Elena come Erika, in un primo momento, ha provato a indirizzare le indagini verso una improbabile rapina.

Infine, e soprattutto, la madre di Elena nonostante tutto ha subito deciso di restare accanto a sua figlia, di pensare alla sua difesa legale e alla sua salvezza perché – come ha dichiarato – a quella ragazza lei, la madre, è tutto quel che resta. Esattamente come Francesco De Nardo decise di restare accanto ad Erika (sono tutto quello che gli resta è l’unica frase che De Nardo ha pronunciato pubblicamente in questi venti anni) per poi accompagnarla silenziosamente in un percorso di espiazione e rinascita, prima in carcere, poi in comunità ed infine nel ritorno alla vita (Erika si è sposata nel dicembre del 2019).

Questa straordinaria figura di padre, capace di collocare l’amore e il perdono sopra ogni altra cosa e di rimpiazzare l’orrore ed il Male con la speranza ed il Bene, ispira il nuovo libro dei Lou Palanca, appena uscito in libreria per Rubbettino editore.

Lou Palanca è un collettivo di scrittura calabrese, giunto al suo sesto lavoro ma deciso a sperimentare nuove strade di narrazione con questo accattivante Padre Vostro. Il libro, infatti, tesse introno alla figura di De Nardo una complessa trama di riflessioni che esaltano la forza del perdono, il senso della restituzione di una seconda possibilità, ma anche la funzione rieducativa della pena, il ruolo giocato dai mass-media, la giustizia riparativa, la figura del padre, la crisi delle famiglie “normali”.

Ma un altro elemento fondamentale di questo racconto è il fatto di essere calato nei giorni del lockdown. Ciò determina elementi narrativi e riflessivi che compongono un quadro complesso, in cui Francesco De Nardo cessa di essere il padre di Erika e diviene un esempio, una speranza, il padre di tutti, il Padre vostro.

Se la tragedia di Avellino rende ancora più attuale e sconcertante la scelta di tornare a Novi Ligure, sia pure non per indagare l’orrore ma per illuminare il Bene, va detto che da un punto di vista letterario il collettivo Lou Palanca si cimenta in un’esperienza diversa dai suoi romanzi precedenti, in larga parte giocati sul filo della docufiction, ossia della ricostruzione storica mescolata con adeguate dosi di immaginazione lungo il crinale stretto che separa il vero dal verosimile e li confonde. In Padre vostro, invece, i segmenti narrativi, le ricostruzioni saggistiche, gli elementi di riflessione concorrono insieme a comporre un tracciato di scrittura difficilmente definibile con un’etichetta univoca.

Forse è proprio il crossover stilistico e di genere la caratteristica più saliente di questo progetto, insieme alla scelta di far scrivere Lou Palanca – per la prima volta dall’inizio del suo percorso editoriale – in prima persona: l’espressione individualizzata dell’autore collettivo diviene il fattore determinante dell’impianto complessivo di Padre vostro.

Il 29 aprile su Google Meet si terrà la prima presentazione del libro dove intervengono: Gioacchino Criaco, Daniel Cundari, Domenico Dara, Luigi Franco e Cataldo Perri. Per seguire l’evento puoi cliccare alle 18.30 su questo link.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.