MARESCA: “BASTA ALTARINI MAFIOSI, NAPOLI MERITA UN ALTRO DESTINO”

Catello-Maresca

“Basta altarini della camorra”. Lo scrive su Facebook Catello Maresca, sostituto procuratore generale di Napoli e considerato tra i possibili candidati a sindaco di Napoli alle prossime amministrative, commentando l’operazione dei Carabinieri, nell’ambito di indagini della Dda partenopea, che ieri ha portato all’arresto di 21 esponenti del clan Sibillo e alla rimozione dell’altarino dedicato a Emanuele Sibillo, capo della cosiddetta “paranza dei bambini” ucciso nel 2015.

“L’autorevolezza dello Stato – scrive Maresca – è nel lavoro di questi uomini in divisa che con la forza del diritto hanno rimosso quei simboli mafiosi che sporcano l’immagine di Napoli in Italia e nel mondo e fanno soffrire la stragrande maggioranza di napoletani onesti che quotidianamente non si piegano ai soprusi di mafiosi e piccoli criminali e difendono la città dalle letture banali, stereotipate e superficiali di chi non riesce a leggere speranza nel futuro”.

Maresca ringrazia “la magistratura e i carabinieri per questo eccellente lavoro”. “Grazie al prefetto Valentini – aggiunge – per il lavoro che sta facendo su questa triste pagina degli altarini di mafia in città. Vanno benissimo gli arresti e i processi ma ancora meglio sono le rimozioni di questi simboli del male”. “Napoli e i napoletani meritano un altro destino, un futuro all’altezza della sua storia e delle sue radici”, conclude.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.