NAPOLI, CATENE ABUSIVE PER RISERVARE POSTO AUTO: RIMOSSE DALLA POLIZIA MUNICIPALE

municipale

Proseguono le attività del Comune di Napoli in sinergia con le Municipalità e con i residenti “per il ripristino dei luoghi e della rimozione di simboli dell’arroganza di pochi sui beni della collettività”. La Polizia locale è intervenuta in salita Santa Maria Apparente dove catene collocate abusivamente riservavano il posto ad auto private e scooter sulla pubblica via.

“Continueremo in queste attività per restituire la vicinanza delle istituzioni e soprattutto il senso del bene comune contro ogni abuso e prevaricazione da parte di chi si sente più furbo degli altri”, dichiara l’assessore comunale con delega alla sicurezza Alessandra Clemente. Gli agenti della Polizia municipale di Napoli del reparto di Tutela ambientale, nel verificare una segnalazione di un cittadino, hanno controllato un’attività di ristorazione nel quartiere Vasto.

L’improvvisata ristoratrice aveva organizzato la propria attività all’interno di un locale commerciale posto fronte strada, attrezzato con utensili di fortuna, un fornellino da campeggio sul quale preparare i pasti, alcuni frigoriferi fuori uso, con evidenti macchie di muffa e ruggine e non collegati all’energia elettrica, secchi, bidoni e scatole dove conservare gli alimenti e le spezie. Lo stato complessivo di pulizia del locale e di conservazione dei cibi e prodotti avariati, maleodoranti  e non etichettati, è risultato pericoloso per la salute.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.