NAPOLI, OK PROGRAMMA E CONSULTAZIONI SU CANDIDATO SINDACO: INTESA CENTROSINISTRA-M5S

A un passo dall’intesa. Questo sembra emergere dal tavolo del centrosinistra sulle prossime comunali a Napoli. “Siamo estremamente soddisfatti dell’esito dell’incontro tra le forze politiche che hanno deciso di lavorare con il Partito democratico alle prossime elezioni amministrative. Il documento che infatti abbiamo presentato è risultato largamente condiviso nei suoi punti centrali”. Lo ha dichiarato Marco Sarracino, segretario metropolitano del Pd.

“Siamo aperti a suggerimenti ed emendamenti – ha aggiunto – così da arrivare alla definizione della coalizione che individuerà in tempi brevi il candidato sindaco che dovrà scrivere una nuova storia per Napoli. Queste elezioni saranno le più importanti degli ultimi trent’anni e la coalizione che si è riunita rappresenta l’unico argine alla destra di Salvini che non ha mai lavorato per gli interessi di Napoli e del Mezzogiorno”.

Sul fronte Movimento 5 Stelle ha parlato il senatore Vincenzo Presutto: “le prossime elezioni dovranno rappresentare la svolta per la Napoli che non ha bisogno di un uomo solo al comando, ma di una giunta politica, con un sindaco competente ed esperto e con una vera attenzione, e non raccontata, ai beni comuni e alla salvaguardia dei diritti e della qualità della vita dei cittadini. Servirà anche un consiglio comunale capace di cogliere le istanze di una cittadinanza attiva che ha bisogno di un’amministrazione in grado di preservare e valorizzare le potenzialità della città. Il sindaco dovrà rappresentare l’apice di una gestione partecipata del territorio, un nuovo modo di fare politica che non può più attendere”

Via libera all’iter anche da Italia Viva con la coordinatrice cittadina Graziella Pagano: “il documento programmatico presentato al tavolo del centrosinistra dal segretario del Pd Sarracino va nella giusta direzione perchè inizia ad affrontare i temi che devono far parte della nostra agenda. Sul nome del candidato – ha aggiunto – sento avanzare idea di consultazioni, mi pare una proposta che aiuta a sbloccare una impasse che è ancora esistente su questo terreno. Vorrei però capire perchè si continua a escludere a priori idea delle primarie che invece si faranno a Roma a Torino e a Bologna. Noi non diciamo ‘o primarie o morte’ ma non possiamo neanche accettare discorso inverso. Senza neanche una spiegazione”.

A sinistra Francesco Dinacci, coordinatore metropolitano di Articolo Uno ha affermato: “il nuovo centrosinistra parta da qui, preparando e perfezionando bene il programma con l’ascolto della citta’. L’unità del campo largo – propone – e’ la premessa, coltivare pregiudiziali o conflitti interni è un errore. Su questo ragionamento politico, non hanno senso le primarie a Napoli. Con il preambolo presentato oggi si offre ora uno spazio equilibrato per avvinarsi ad un’intesa possibile che nessuno può permettersi di sciupare”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.