SALERNO, TRUFFA SU FONDI UE: SEQUESTRATI BENI PER UN MILIONE DI EURO A IMPRENDITORE

cc2

Un sequestro di risorse finanziarie, immobili e terreni aziendali del valore complessivo di oltre 1 milione di euro è stato eseguito dai Carabinieri del reparto Tutela agroalimentare di Salerno. Il decreto è stato emesso dal gip di Salerno nell’ambito di un’indagine della Procura salernitana su un presunto caso di truffa aggravata per il conseguimento di fondi europei destinati al comparto agricolo.

Indagato un imprenditore, titolare di una importante azienda biologica operante nella Piana del Sele su una superficie di circa 70 ettari, specializzata nella produzione e commercializzazione di prodotti orticoli in serre. Dalle indagini è emerso che l’imprenditore agricolo aveva falsamente dichiarato nella relativa domanda di aiuto di possedere i requisiti previsti dal bando di attuazione della Misura 121 del Psr Campania 2007-2013, ottenendo così indebitamente finanziamenti dall’Unione Europea destinati a sostenere il comparto agricolo.

Nello specifico, i riscontri fatti dai Carabinieri, anche attraverso l’analisi della documentazione acquisita presso i competenti Uffici regionali e comunali, hanno permesso di documentare che lo stesso imprenditore aveva realizzato un impianto serricolo ed opere agrarie connesse di circa 40mila metri quadrati nel comune di Montecorvino Rovella (Salerno), in assenza della prescritta autorizzazione edilizia nonché su fondi in parte già oggetto di sequestro preventivo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.