REGGIA DI CASERTA: TERMINATO IL RESTAURO ALLE PARETI DELLO “SCALONE REALE”

Quattordici restauratori impiegati, un ponteggio di 17 metri di altezza e 32 metri di lunghezza, 1.100 mq di superficie lapidea e 250 metri quadri di intonaco restaurati, oltre 180 kg di carbonato di ammonio e di 350 litri di liquido protettivo all’acqua utilizzati, 18,9 GB di documentazione fotografica raccolta, oltre 4.000 foto scattate per documentare le attività.

Sono questi i numeri registrati al termine delle operazioni di pulitura e restauro del rivestimento marmoreo delle rampe meridionale e settentrionale dello Scalone Reale della Reggia di Caserta.

L’intervento, nel cuore della struttura architettonica vanvitelliana, è stato finanziato nell’ambito del Piano Stralcio “Cultura e Turismo” Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (FSC) 2014-2020. Le pareti delle scale laterali che conducono al Vestibolo superiore, oggetto delle cure degli specialisti per circa un anno, sono state restituite alla vista del pubblico proprio in occasione della riapertura degli Appartamenti Reali, lo scorso 1 maggio.
La gestione dell’opera, spiega una nota, è stata agevolata dalla chiusura del Complesso vanvitelliano imposta dall’emergenza Covid 19 che ha consentito di accelerare i lavori. Le numerose attività, a cura di Ganosis Consorzio Stabile, oggetto di costante documentazione fotografica e di studio in tutte le fasi, hanno previsto: la rimozione di depositi superficiali, il trattamento per l’arresto dell’ossidazione e la protezione degli elementi metallici; il ristabilimento della coesione mediante impregnazione; la stuccatura e micro-stuccatura nei casi di fratturazioni o lesioni; la riadesione di scaglie e frammenti; l’applicazione di uno strato protettivo; la puntellatura provvisoria di sostegno e l’interposizione di strati ammortizzanti, nei casi di parti distaccate a rischio di improvvisi cedimenti. La presenza dei ponteggi e’ stata inoltre colta come opportunità per realizzare la prima fase di riadeguamento funzionale e illuminotecnico della Volta, realizzato con i fondi ordinari del Museo.

Le superfici in marmo grigio di Billiemi, rosso di Dragoni e di Vitulano e giallo di Mondragone, al cospetto delle statue della Maestà Regia e delle personificazioni del Merito e della Verità, hanno riacquisito le colorazioni originarie che conferiscono rinnovate suggestioni percettive al monumentale capolavoro di architettura e scenografia di Luigi Vanvitelli.

I visitatori saranno resi partecipi del restauro, in tutti i suoi dettagli, grazie all’utilizzo di un QR code da visionare con il proprio smartphone. I lavori del piano stralcio FSC proseguono intanto con i tre diversi lotti nell’ala dell’Ottocento degli Appartamenti Reali sulle superfici architettoniche decorate e sugli arredi storici, nei Cortili e sulle coperture del Palazzo, nel Parco Reale e nel Giardino Inglese.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.