GAZA, DECINE DI BAMBINI UCCISI DALLE BOMBE ISRAELIANE: COLPITA ANCHE CLINICA MSF

Di una famiglia di 10 persone si è salvato solo il neonato di 4 mesi: la mamma ha fatto da scudo con il suo corpo. È accaduto nel campo profughi di Shati, a ovest di Gaza City. Sotto le bombe israeliane stanno cadendo decine di bambini. Ad oggi sono 58, oltre un terzo dei morti totali che sono 192.

Secondo l’Unicef “questa è una grave violazione. Decine di altri bambini sono stati feriti. Molti giovani palestinesi sono stati arrestati – si legge nella nota -. 35 scuole nella Striscia di Gaza e 3 scuole in Israele sono state danneggiate dalle violenze. Gli attacchi alle scuole e alle strutture educative rappresentano una grave violazione contro i bambini”.  

Nemmeno le strutture sanitarie sono risparmiate. La clinica di Medici Senza Frontiere  a Gaza city, che fornisce trattamenti per traumi e ustioni, è stata danneggiata ieri notte da un bombardamento aereo israeliano che ha colpito l’area circostante. La stanza dedicata alla sterilizzazione è ora inutilizzabile, mentre l’area di aspetto è stata completamente danneggiata. Non si contano feriti all’interno della clinica, ma alcune persone sono state uccise nel corso dei bombardamenti. “La situazione è terrificante. Gli attacchi aerei, ancora in corso, hanno causato molte distruzioni intorno alla clinica e all’ufficio di MSF” afferma Ayman Djaroucha, coordinatore di MSF a Gaza.

 Poi c’è anche il palazzo dei media e delle tv dove hanno sede Al Jazeera e Associated Press che potevano raccontare direttamente da Gaza.  Siamo di fronte a una politica di annientamento della popolazione civile palestinese, lo dicono i numeri. Siamo di fronte a un crimine e alla violenza del diritto internazionale che permette a una democrazia guidata da un uomo sotto inchiesta per corruzione di massacrare i bambini in nome di una libertà pagato col sangue.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.