CASTELLAMMARE, CASO PRESIDENTE CONSIGLIO COMUNALE: RUOTOLO CHIEDE COMMISSIONE D’ACCESSO

“È inaccettabile quello che è accaduto ieri pomeriggio nell’aula del Consiglio comunale di Castellammare di Stabia, la maggioranza guidata dal sindaco Gaetano Cimmino elegge presidente del consiglio Emanuele D’Apice, figlio del pregiudicato di camorra, deceduto Luigi D’Apice conosciuto con il soprannome di ‘O ministro. Il neo presidente prende la parola e tra gli applausi e la commozione dice ‘infine permettetemi di ringraziare la mia famiglia in particolar modo mio padre, il mio faro che mi ha insegnato tutto: i valori, l’educazione, il rispetto oggi devo a lui l’uomo che sono’, concetto ribadito anche sui social”.  Lo denuncia in una nota il senatore Sandro Ruotolo del Gruppo Misto.

“Ciò che è accaduto rappresenta un vero insulto alle istituzioni, alle persone perbene. Il ministro dell’Interno, il Prefetto di Napoli non devono attendere un minuto in più per la nomina della commissione d’accesso al comune di Castellammare di Stabia come più volte abbiamo richiesto in interrogazioni e question time. Già a fine marzo un’ordinanza di 16 arresti emerse in alcune intercettazioni che il clan D’Alessadro avrebbe sostenuto Forza Italia alle ultime amministrative. Occorre fare chiarezza e indagare attraverso la Commissione d’accesso se la camorra condiziona e orienta le scelte politiche dell’amministrazione”, conclude il senatore Ruotolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.