NAPOLI, MARESCA: “SALVINI AL GOVERNO CON PD-M5S, SE NON CREA IMBARAZZO A LORO NON LO CREERÀ A ME”

Va avanti e attacca a testa bassa Maresca. Il magistrato candidato a sindaco di Napoli Rivendica il “civismo” e rispedisce al Pd “l’imbarazzo” di una eventuale alleanza con Salvini. “Oggi la Lega è al governo con Draghi, sta col Pd, con i 5 Stelle, non credo che a loro crei imbarazzo. E, se non crea imbarazzo a loro, tantomeno lo creerà a me”. Risponde così Catello Maresca a margine del convegno “La nuova geopolitica mondiale” all’hotel Mediterraneo di Napoli. “Il mio discorso – ribadisce – è fatto su contenuti e programmi. Questa è la cosa seria di cui dobbiamo parlare, il resto sono chiacchiere”

Il rapporto con gli imprenditori

“Trentacinque anni di gestione di sinistra in questa città si vedono nell’immobilismo che deriva, secondo me, da un’opzione ideologica da cui dobbiamo ripartire. L’opzione ideologica è di smetterla con la criminalizzazione del profitto e coinvolgere gli imprenditori nella gestione della cosa pubblica con strumenti legalmente previsti che applicano in altre città, e non bisogna andare a Bergamo, Verona, Milano o Aosta, ma, ad esempio, a Pozzuoli”. Catello Maresca rilancia il rapporto tra amministrazione pubblica e imprese.

“Oggi – ha annunciato – sarò a San Gregorio Armeno ad incontrare persone, associazioni, a rendermi conto un po’ della sofferenza della gente perché da questo dobbiamo partire: da situazioni di difficoltà che sono tante e ogni giorno aumentano per la crisi economica e sociale che stiamo vivendo. Io da magistrato ho avuto l’occasione di denunciarlo quando parlavamo del rischio criminalità organizzata, di scarcerazione di mafiosi. Oggi siamo in piena emergenza e a Napoli la fragilità è strutturale e amministrativa”.

“A Napoli – ha spiegato il magistrato – mi interessa parlare dei nuovi modelli che stiamo studiando perché quelli che abbiamo applicato finora non hanno funzionato. Oggi la criticità del post Covid ci impone di elaborare nuovi modelli e su questo stiamo lavorando. Che saranno modelli di destra, di sinistra, di centro, di sopra o di sotto, a me non interessa tanto, mi interessa che siano potenzialmente efficaci per affrontare le criticità”

Infine, torna sul patto per Napoli lanciando una frecciata allo sfidante Manfredi: “è chiaro che c’è bisogno di un grande patto per Napoli, però va fatto sui contenuti, sulle cose serie e io sono partito da uno studio preliminare. Più che farmelo imporre da Roma, cerco di farlo partire da Napoli”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.