BARLETTA, DI METALLI TOSSICI NEI BAMBINI CHE HANNO CASA E SCUOLA VICINO A IMPIANTO RIFIUTI

“A Barletta oltre un secolo fa sorse un cementificio, fuori dal centro urbano, ma, col passar del tempo, fu circondato da palazzi e opifici, finendo, di fatto, nel tessuto urbano di una città di centomila abitanti. Tale impianto, come tanti similari in Italia, è utilizzato come co-inceneritore di rifiuti pretrattati CSS e ciò desta forte preoccupazione”.

Lo dichiara nell’intervento di fine seduta il senatore M5S e membro della commissione ambiente di Palazzo Madama, Ruggiero Quarto.

“A febbraio 2019 – continua il senatore M5S – per conoscere i possibili effetti degli inquinanti emessi, pur monitorati al camino e nei limiti di legge, è stato siglato un protocollo d’intesa tra Comune, ASL, ISDE, Ordine dei medici, scuole primarie e associazioni ambientaliste, per un biomonitoraggio finanziato dall’ASL. La proposta fu lanciata dal Forum Salute e Ambiente, portata nelle istituzioni dai consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle e, grazie alla pressione di tanti cittadini, attuata dal Sindaco”.

“È stata misurata, per la prima volta al mondo, in un congruo arco spazio-temporale, la concentrazione di 24 metalli nelle unghie dei piedi di 366 bambini tra 6 e 10 anni. Il 25 giugno scorso Di Ciaula ha pubblicato i risultati sulla prestigiosa rivista “Exposure and Health” – specifica Quarto -. I bambini che vivono e frequentano la scuola nell’area esposta alle emissioni del cementificio mostrano un bioaccumulo cronico di metalli tossici (nichel, cadmio, mercurio e arsenico). Questi si correlano indicando una fonte comune”.

“L’articolo  -specifica Quarto – conclude che i cementifici situati in aree urbane sembrano quindi dannosi e sono necessarie politiche di prevenzione primaria per proteggere la salute dei bambini: delocalizzazione; norme più restrittive per l’uso dei combustibili fossili; limitazione di rifiuti con carichi di metalli pesanti; educazione sanitaria. Questo studio impone ora la massima attenzione, sia sul fronte sanitario, per approfondire e valutare l’effettivo rischio sui residenti nell’intorno dei cementifici, e sia su quello ambientale e socio-economico, al fine di eliminare la causa”.

“Bruciare i rifiuti, così come tombarli, è un tragico errore. E ora sappiamo che potrebbe anche essere pericoloso, ancor più per i bambini. La strategia “rifiuti zero” è l’unica sostenibile, attivando le 5 R: Riduzione, Riuso, Riciclo, Raccolta, Recupero”, conclude Quarto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.