PONTICELLI, UCCISO PREGIUDICATO: I PARENTI SFASCIANO PRONTO SOCCORSO VILLA BETANIA

Agguato a Ponticelli nella serata di ieri. Un pregiudicato legato al clan De Luca Bossa, Salvatore De Martino di 46 anni, è stato ucciso a colpi di pistola e un’altra persona S.S. di 49 è stata ferita ma non in pericolo di vita all’ospedale del Mare.  L’agguato si è compiuto in via Camillo De Meis e segna il ritorno al piombo nel quartiere della faida a colpi di bombe e proiettili fino a marzo scorso.

I parenti di De Martino giunti al vicino pronto soccorso di Villa Betania hanno sfasciato la struttura con veri e propri momenti di terrore. Lo comunica l’associazione Nessuno tocchi Ippocrate: “i familiari della vittima, portata al pronto soccorso, hanno cominciato a sfasciare tutto quando hanno appreso la notizia della dipartita del parente”.

I due soggetti avevano precedenti per spaccio di stupefacenti. Dopo il rogo al campo rom di Barra, la nube di diossina e i 120 sfollati da gestire arriva anche la ripresa della guerra criminale: non c’è pace per Napoli Est.

Le reazioni

Sul caso è intervenuto il candidato sindaco di Napoli Gaetano Manfredi: “quanto accaduto al pronto soccorso di Villa Betania è spia di un problema grave più volte denunciato: l’incolumità del personale medico e sanitario nell’esercizio del proprio lavoro. Un’azione vile che costituisce anche un danno di immagine per una città come la nostra, inclusiva e solidale che nel proprio DNA ha il rispetto per il prossimo. Il grido d’allarme lanciato dagli operatori, dopo i danni arrecati al pronto soccorso di Villa Betania dai parenti di una vittima rimasta uccisa in una sparatoria, va accolto con grande senso di responsabilità”. 

Sul fronte bassoliniano è Patrizio Gragnano, candidato presidente alla Sesta Municipalità, a intervenire: “la sicurezza passa attraverso la lotta al elusione e l’evasione scolastica e la ‘messa in civiltá’ di questa parte della cittá. Un bambino Rom e uno del lotto 0 vivono tra fuochi diversi ma speculari , la scomessa di tutti é mettere al riparo il futuro loro e delle loro famiglie. Lo si dica tutti ed a chiare lettere , rompendo il silenzio di questa campagna elettorale veramente orribile”.

Dal centrodestra Catello Maresca lancia la sua proposta: “dinanzi agli ennesimi episodi di violenza registrati a Ponticelli e Fuorigrotta, sento l’urgenza di ribadire che utilizzerò tutta la mia esperienza nella lotta al crimine, i miei consolidati rapporti con le forze dell’ordine e i buoni auspici verso il governo nazionale per garantire sicurezza a Napoli e ai suoi cittadini. Le mamme e i papà napoletani hanno il sacrosanto diritto di andare a letto sereni quando i loro, i nostri figli, escono di casa. Rivolgo al Prefetto Marco Valentini un appello perché venga immediatamente istituito un tavolo permanente sull’emergenza criminalità in città”. 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.