CALABRIA, DE MAGISTRIS: “IN UNA REGIONE DI MAFIA GIOVANI ATTIVISTI COLPITI DA SANZIONI DURISSIME”

“In una regione costellata da delitti irrisolti, corruzione e massomafia, leggo con preoccupazione l’appello lanciato da giovani attiviste e attivisti, nelle ultime ore, per una serie di provvedimenti che li hanno colpiti. Parliamo di multe esose e regimi di sorveglianza speciale, per fatti ancora tutti da appurare, inflitti non a pericolosi pregiudicati, ma a semplici cittadini, colpevoli di aver sempre sbattuto il pugno sul tavolo difronte alle ingiustizie perpetrate in questa regione”.

Così il fondatore di demA Luigi de Magistris, ex sindaco di Napoli e già candidato alla presidenza della Regione Calabria.

“Si tratta – aggiunge – di giovani in prima linea per la tutela delle persone fragili, per il diritto alla salute, per la tutela dell’ambiente, da sempre schierati contro la criminalità organizzata e la massomafia. Stefano Catanzariti, ad esempio, è un giovane che da anni, con il comitato Cosenza Piccola, denuncia le situazioni di degrado in cui verte il centro storico di Cosenza e in cui sono costretti a vivere i suoi abitanti”.

“Di recente – ricorda de Magistris – Stefano ha organizzato una passeggiata nel cuore più nascosto e abbandonato all’incuria del centro storico della città di Telesio, nella speranza di accendere ancora una volta i riflettori sulle condizioni in cui vivono “gli ultimi”. Questa passeggiata di umanità è valsa, a lui e ai suoi compagni di viaggio Roberto Panza e Roberto Martino, non un riconoscimento per la sensibilità e l’umanità dimostrata, ma una multa di 1.180 euro. Altra vicenda è il provvedimento di sorveglianza speciale che ha colpito Jessica Cosenza, studentessa e attivista delle Femin di Cosenza, che da anni denuncia la malasanità, le molestie subite nelle università, il malaffare, e Simone Guglielmelli, attivista del movimento Prendocasa, in prima linea per i diritti dei senza casa. Mi viene in mente, ad esempio, il noto boss di Cetraro, Franco Muto, colpito da provvedimento di sorveglianza speciale”.

“Mi chiedo – conclude de Magistris – come sia possibile minare il futuro di questi ragazzi, che saranno segnati per sempre da provvedimenti così pesanti, che li equiparano a pericolosi ndranghetisti e pregiudicati incalliti. Perché una mano così pesante nei confronti di cittadini colpevoli di umanità ed impegnati nella lotta per i diritti”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.