NAPOLI, NATALE DI SANGUE: DOPO OMICIDIO MORIONE IL COMITATO ANTICAMORRA DAL PREFETTO

“Siamo vicini alla famiglia di Antonio Morione, il titolare della pescheria ‘Il Delfino’ ucciso ieri sera nel corso di una rapina a Boscoreale. Colpisce l’efferatezza, lo spregio per la vita, la violenza cieca e il senso di impunità dei malviventi che sembra avessero messo a segno, qualche minuto prima, un altro raid nella pescheria del fratello della vittima esplodendo anche un colpo di pistola. Antonio Morione nell’opporsi a quelle belve ha difeso il suo diritto al lavoro, l’onestà della propria famiglia e la difesa civica della legalità”.

Lo dichiara in una nota il Comitato di liberazione dalla Camorra Area Sud Torrese- Stabiese, una cui delegazione formata dal coordinatore del Comitato Antonello Sannino e don Ciro Cozzolino, parroco della Santissima Trinità di Torre Annunziata e referente locale di Libera Contro Le Mafie si è recata sul luogo dell’omicidio.

 “Registriamo e denunciamo da mesi un clima da Far West che pervade l’intera area Torrese- Stabiese con faide tra vecchi e nuovi clan caratterizzate da scontri armati ma anche l’avanzare di una criminalità di strada che minaccia la stessa coesione sociale. Preoccupazioni che il Comitato di liberazione dalla Camorra Area Sud Torrese- Stabiese in un incontro già programmato, martedì 28 dicembre, porterà all’attenzione del nuovo Prefetto di Napoli. Ribadiremo al rappresentante del governo le nostre richieste: l’installazione di telecamere per la videosorveglianza, un aumento sensibile delle forze dell’ordine sul territorio, l’incremento degli organici della polizia locale, l’adozione di programmi educativi, l’utilizzo sociale dei beni confiscati e la bonifica degli alloggi popolari ormai divenuti fortini dei gruppi criminali”.

“Con le altre associazioni e organizzazioni che aderiscono al Comitato di liberazione dalla Camorra Area Sud Torrese- Stabiese  – conclude il comito – avvieremo non solo a Boscoreale ma nell’intero comprensorio una serie di iniziative di mobilitazione e di denuncia. O si è contro la camorra o si è complici della camorra”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.