NAPOLI, DEMA ALL’ATTACCO: “GIUNTA MANFREDI RIESCE SOLO A RIVENDICARE IL NOSTRO LAVORO”

Napoli, Dema all’attacco del nuovo sindaco. “Dopo 100 giorni l’amministrazione Manfredi non riesce a fare di meglio che rivendicare il lavoro della precedente giunta de Magistris. Come è giusto che sia, la quasi totalità dei provvedimenti adottati da giunta e Consiglio comunale di Napoli fanno riferimento alle attività svolte e programmate dalla precedente amministrazione. Per brevità ne citiamo solo alcune: piano investimenti sul verde, assunzione Ripam, assunzione Rei, delibera occupazione suolo, impianto di compostaggio, apertura Galleria Vittoria, fornitura treni”.

Così una nota della segreteria cittadina di demA, il movimento fondato dall’ex sindaco di Napoli Luigi de Magistris che va all’attacco del nuovo inquilino di Palazzo San Giacomo.

“Meritano una riflessione a parte – si legge – gli 1,3 miliardi in 20 anni che verranno “concessi” alla città di Napoli: siamo ancora in attesa di leggere le linee di indirizzo politico che verranno attuate da questa amministrazione e soprattutto a quali condizioni. Basterebbe un minimo di onestà intellettuale nell’ammettere che, nonostante le difficoltà, nonostante la ferma volontà di indurre al fallimento chi li ha preceduti, c’è stato un lavoro intenso che ancora è in grado di produrre risultati che hanno consentito alla città di restare in piedi. Basterebbe raccontare lo stupore e rilevare la verità che si racconta tra i corridoi del Palazzo, oggi più chiuso che mai alla città, un fortino dove pure l’arrivo di un caffè nelle stanze sembra quasi un’impresa”.

“È straordinario vedere come ci sia, come mai in questi anni, un apprezzamento tanto sentito per le scelte fatte in questi anni, al punto tale – prosegue demA – da intestarsele con orgoglio con tanto di riconferma quasi totale di tutti coloro che hanno lavorato al fianco di chi li ha preceduti ed anche di chi se ne era andato con rumore e che ritorna nel silenzio di una veste nuova. È imbarazzante che da 100 giorni, tra tutte le cose enunciate nel libro dei sogni, non c’è una parola su come la città dovrà partecipare al presunto cambiamento”.

“Una città che in questi mesi è provata ancora una volta dalla pandemia, dalle ordinanze ipocrite e dall’aumento delle diseguaglianze che cerca di reagire, ma che al momento della grandiosità di Palazzo San Giacomo ha registrato solo silenzio tra recensioni televisive e spettacoli teatrali. Il grande ottimismo – rimarca demA – prevede partecipazione e non mera fede. Quella lasciamola alla religione, per chi ce l’ha”. 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.