JUVE-NAPOLI, UNA LUCE SULLO STADIUM DI TORINO: L’IMPORTANZA DI CHIAMARSI FAOUZI GHOULAM

G. M. – Era diventato uno dei primi terzini sinistri più forti al mondo nel 2017. Poi quel maledetto 2 novembre in Champions contro il City dopo l’ennesima sgroppata sulla fascia sinistra il ginocchio fa crac: rottura legamento crociato.

Fouzi Ghoulam non molla, vuole rientrare per il finale di stagione e soprattutto per la madre di tutte le partite contro la Juve. Questo tentativo di forzare il rientro a febbraio 2018 gli provoca un secondo stop in allenamento: frattura della rotula, campionato finito.

Dopo un anno a ottobre 2019 quando sembra rivedere il campo con maggiore continuità ecco l’infortunio muscolare. Ma non finisce qui. A marzo 2021 di nuovo la rottura del legamento crociato.

Ieri Fouzi Ghoulam ha dato una grande emozione ai tifosi del Napoli e del calcio in generale. Sono tantissimi gli attestati di stima e affetto per un professionista che dopo 4 anni e mezzo di sfortuna e infortuni è sceso in campo contro la Juve. Ha retto il campo, non si è risparmiato e ha dimostrato che fin quando hai una goccia di sudore da spendere puoi dimostrare quello che vali.

Mai parole sopra le righe, mai comportamenti fuori posto per questo algerino di Napoli e grande amico di Koulibaly: insieme sono protagonisti di iniziative per le persone più fragili della città. Ieri a Torino Fouzi è stata la luce più bella in questo calcio malato e stanco che non si ferma nemmeno in piena pandemia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.