MINISTRO LAMORGESE A NAPOLI: “BABY GANG PROBLEMA LEGATO A DISPERSIONE SCOLASTICA”

“Quello delle baby gang è un problema che esiste, ma la questione attiene anche alla dispersione scolastica”. Lo ha detto il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, oggi in Prefettura a Napoli dove parteciperà alla riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica. “Tutti collegano questo problema al lockdown, che certamente ha avuto un impatto negativo sui ragazzi – ha aggiunto – ma bisogna anche pensare al contesto sociale. Ritengo importante il patto educativo proposto dall’arcivescovo di Napoli, è un patto che va a coinvolgere aspetti ulteriori che possano incidere poi sulla sicurezza”. Il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese,
oggi a Napoli per la firma dell’Accordo per la promozione e l’attuazione di un sistema di sicurezza partecipata e integrata per lo sviluppo della Città di Napoli, insieme al presidente
della Regione Campania, Vincenzo De Luca, al sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi e al prefetto di Napoli, Claudio Palomba ha poi affermato: “Questo accordo per la sicurezza partecipata è importante e con esso si introduce un metodo di lavoro che a Torino ha avuto ottimi risultati. Le istituzioni sono pronte a fare ognuna la sua parte in uno spirito di condivisione e non è scontato – ha continuato – ben venga questo tipo di sentimenti che ho colto qui, penso che la firma di questo accordo sia una cosa assolutamente positiva e ringrazio il prefetto per essere arrivati in
così poco tempo dal suo insediamento a mettere insieme tutti gli attori del patto”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.