LA MORTE DELLA PICCOLA GINEVRA: DALLA CALABRIA A ROMA PER TROVARE UN OSPEDALE ATTREZZATO

Foto repertorio

E’ morta al Bambin Gesù la bimba di due anni giunta gravissima ieri da Catanzaro a Roma e trasportata da un C-130J dell’Aeronauticaa Militare atterrato a Ciampino.

La piccola era stata giudicata in imminente pericolo di vita a causa di una grave insufficienza respiratoria. La paziente era ricoverata presso l’ospedale “Pugliese Ciaccio” di Catanzaro ma il nosocomio non era attrezzato con un reparto pediatrico. A causa dell’aggravarsi delle condizioni cliniche, si è reso necessario l’immediato trasferimento al Bambino Gesù di Roma.

Dopo due di anni di Covid e molte chiacchiere l’unica realtà dei fatti nel 2022 è che nel Mezzogiorno, in Calabria in questo caso, ci sono strutture sanitarie non attrezzate per curare una bambina di 2 anni.

A riassumere il calvario della piccola Ginevra e dei suoi genitori, e anche l’indignazione, è il giornalista e fotografo calabrese Francesco Malavolta che su facebook scrive: “Il paese di Mesoraca, 6mila anime è troppo piccolo per avere l’ospedale. Il più vicino è quello di Crotone, dista più di mezz’ora in auto. Arrivata gli viene diagnosticata una polmonite interstiziale bilaterale. Ginevra continuava a peggiorare, per questo motivo, in serata i medici decidono di trasferirla in rianimazione nella città di Catanzaro, all’ospedale ‘Pugliese Ciaccio’, altri 70 chilometri di lente strade del sud, impiega altri 60 minuti, dove la piccola arriva in condizioni gravissime. I suoi piccoli polmoni compromessi. L’ospedale di Catanzaro ha solo il reparto per adulti, e quello per neonati fino a 40 giorni, manca quello specifico pediatrico. Nella regione italiana, la Calabria, non c’è in nessun ospedale con quelle specifiche. Per Ginevra c’è urgenza di trovare altro. L’ospedale con l’aiuto della prefettura di Catanzaro, trova un velivolo militare, un C-130J dell’Aeronautica con base a Pisa. Altri 40km per l’aeroporto di Lamezia Terme. Giunto il velivolo imbarca l’ambulanza con a bordo Ginevra, assistita da un nutrito staff medico, per poi decollare verso altro ospedale, a Roma”.

“Dall’aeroporto di Ciampino – continua Malavolta – Ginevra è stata poi portata all’ospedale “Bambino Gesù”. Ma quando è arrivata, per lei era ormai era troppo tardi. ‘Era già intubata e in condizioni disperate, con insufficienza respiratoria e compromissione delle funzioni vitali’. Ci hanno provato a salvarla i medici e tutta macchina dei soccorsi: da Crotone a Catanzaro, da Pisa a Roma Il tentativo estremo di salvarle la vita si è purtroppo rivelato vano. Ginevra si è spenta. Aveva quasi 2 anni. Resta inaccettabile il divario nella stessa Italia. Resta inaccettabile tutto”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.