ZANNA BIANCA, L’AVVENTURA VA IN SCENA IN SALA ASSOLI CON LA RASSEGNA YOUNG IL 10 FEBBRAIO

Foto Eliana Manca

La rassegna Young anche quest’anno approda in Sala Assoli. Giovedì 10 febbraio alle 9,30 l’iniziativa per la scuola presenta nella sala napoletana di Casa del Contemporaneo “Zanna Bianca”, di Francesco Niccolini, con Luigi D’Elia, produzione Inti. Il testo teatrale ha ottenuto il Premio Eolo 2019 come “Miglior Spettacolo” anche grazie ai suoi richiami alla libertà, al bisogno di evasione e di avventura.

Liberamente ispirato ai romanzi e alla vita avventurosa di Jack London, il lavoro, dichiara la curatrice artistica di Young Morena Pauro, “collega insieme Zanna bianca e Il richiamo della Foresta che appartengono alla letteratura di formazione per le nuove generazioni. È un’esperienza immersiva – arricchita dalle musiche di Ezio Bosso – in cui c’è una corrispondenza esatta e potentissima fra luci, corpo e parola, che concorrono armonicamente a toccare le corde più sensibili e profonde del sentimento degli spettatori, in particolare di giovani adolescenti con una travolgente energia vitale da esprimere”.

A tre anni dal Premio Eolo, Luigi D’Elia e Francesco Niccolini tornano nel luogo che amano di più, la grande foresta. Questo è uno spettacolo che ha gli occhi di un lupo, da quando cucciolo per la prima volta scopre il mondo fuori dalla tana a quando fa esperienza della vita, della morte, della notte, dell’uomo, fino all’incontro più strano e misterioso: un ululato sconosciuto, nella notte. E da lì non si torna più indietro. E’ un racconto che morde, a volte corre veloce sulla neve, altre volte si raccoglie intorno al fuoco.

“Come ci assomigliano, i lupi – scrive nelle note di regia Francesco Niccolini -.  Modificano le loro tecniche di caccia a seconda delle difficoltà che incontrano, condividono il cibo con i membri più vecchi, che non riescono a procurarselo e si fanno regali…  Quando io e Luigi D’Elia abbiamo cominciato a costruire lo spettacolo, ci siamo visti costretti a tradire Jack London e il suo celebre romanzo per dar vita al nostro incrocio… Troppo forte il richiamo del bosco, dell’estremo nord del mondo perché il lupo protagonista di questa storia invecchiasse come un cane da compagnia, in casa, su un tappeto, tra ciabatte e tende con i pizzi: impossibile, Zanna Bianca non è un qualunque, orribile cagnolino di città né da salotto”.

Indirizzata a ragazzi e ad adolescenti (studenti di scuole primaria e secondaria di I e II grado) in collaborazione con Le Nuvole, la rassegna Young proseguirà in Sala Assoli con altri due titoli: “Giovanni Livigno” di e con Roberto Anglisani il 23 marzo e “Il grande gioco” il 5 maggio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.