AMBIENTE, LUIGI DE MAGISTRIS CONTRO PARCHI EOLICI IN MARE E ATTACCA CINGOLANI SUL NUCLEARE

” Il mar Jonio, il mar Mediterraneo, è un bene comune. No ai parchi eolici nel mare! Avete già distrutto, con la complicità di una certa politica, intere foreste. La Calabria già produce più energia di quella necessaria. Basta con le colonizzazioni del Sud”.

A dirlo in una nota è Luigi de Magistris, leader del Movimento Dema, che entra in polemica direttamente con il ministro Cingolani: “basta anche con ministri della transizione ecologica (sic!) che invocano il nucleare e quindi sono ministri incostituzionali. Il Sud non si espropria. Jatevenne”.

“Difenderemo il nostro mare dall’ennesimo scempio – afferma l’ex sindaco di Napoli – dopo quello delle piattaforme petrolifere che hanno sottratto il mare ai pescatori, così come le centrali a biomasse e a carbone e i parchi eolici che hanno rubato le terre ai contadini, così come con la complicità dei governi criminali si è trasformato il mar mediterraneo nel più grande cimitero di persone invisibili, senza diritti e senza memoria”. 

“Lo faremo con le armi del diritto, della mobilitazione popolare e dell’insurrezione culturale, pacifica e non violenta. La violenza è la vostra, che pensate solo al denaro, al vostro egoismo e non alla difesa della vita e allo sviluppo della persona umana in armonia con la natura. Siete gli stessi che avete sottratto in dieci anni 37 miliardi alla sanità pubblica per metterli nella costruzione di armi. Siete complici di condotte terribili ed orrende, arrendetevi, il vostro tempo sta per finire”, conclude de Magistris.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.