NAPOLI, AUMENTO IRPEF E ORDINANZA MOVIDA: DOPPIO ATTACCO DI MARESCA AL SINDACO

Ordinanza movida e Irpef: Maresca contro Manfredi con un doppio affondo. “Il pacco per Napoli è finalmente realtà. Nessuna misura strutturale, ma solo aumento delle tasse ai cittadini napoletani. Una pratica già nota e che riesce benissimo alla sinistra. Ma da oggi questo sarà chiarissimo a tutti”. Così il consigliere comunale di opposizione.

“Nonostante un impegno assunto in Consiglio comunale – attacca Maresca – il sindaco Manfredi ha dovuto subire l’ulteriore imposizione romana dell’aumento dell’aliquota Irpef, già – come è noto – ai massimi per legge. Anzi un doppio aumento – prosegue – mai discusso prima, di 0,1 punti nel 2023 ed un ulteriore 0,1 dal 2024. Poveri i napoletani che saranno ulteriormente vessati”. Secondo il consigliere, “col senno di poi sarebbe stato meno doloroso dichiarare il dissesto”. 

Poi l’annuncio: “Come opposizione abbiamo già dato mandato ad un gruppo di avvocati di verificare l’impugnazione dei provvedimenti di aumento, che diventano chiaramente vessatori e discriminatori per i nostri concittadini”.

Movida: “solita solfa del ‘faremo’ e ‘diremo’

“Quando un Comune è costretto a ricorrere ad una ordinanza contigibile ed urgente si certifica il fallimento della politica, incapace di dare risposte serie ad un problema ormai ultradecennale”. Non risparmia sciabolate Catello Maresca in merito all’ordinanza del Comune sulla movida.

“Da troppo tempo si discute di movida violenta e di città insicura – continua – Ormai purtroppo Napoli è una città completamente fuori controllo. Accoltellamenti tra i giovani, rapine in pieno giorno in quartieri fino a qualche tempo fa poco colpiti, sono tutti segnali molto preoccupanti”. 

“Ora si interviene comprimendo la libera iniziativa privata e prendendosela con gli esercenti ed in maniera indiscriminata con gli avventori limitando i tempi di apertura – prosegue la nota – Non è certo questo il modo di risolvere il problema. Peraltro, senza neanche una bozza di piano di controllo e presidio del territorio nelle ore più delicate della notte”.

Secondo il leader della minoranza di centrodestra, “il piano strategico, presentato in pompa magna con toni trionfalistici dal ministro Lamorgese non più tardi di un mese fa, è già un lontano ricordo. Del resto, come si dice, le bugie hanno le gambe corte”.

“Non esiste neanche un piano concreto di viabilità per l’accesso e la sosta nelle aree critiche della città, invase letteralmente nei fine settimana. Manca una strategia di intervento ed una pianificazione delle operazioni di controllo”. 

“Sembra la solita solfa, fatta di ‘faremo’ e ‘interverremo’, di tavoli aperti e tante chiacchiere e, nel frattempo, la città muore soffocata”.  “Se non sono capaci di risolvere i problemi – conclude Maresca – si mettano da parte e chiedano un intervento straordinario sulla sicurezza attraverso la nomina di un commissario di Governo”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.