NAPOLI EST: DA FONDI PNRR VIA BIPIANI PONTICELLI E RIQUALIFICAZIONE EX AREA CORRADINI

Edilizia residenziale pubblica, rigenerazione urbana e Hub innovativi sono gli obiettivi dei progetti che l’amministrazione comunale intende realizzare con i fondi del PNRR. Ne ha discusso ieri l’assessora Laura Lieto in commissione Urbanistica, presieduta da Massimo Pepe.

Prioritario per l’assessora Lieto è garantire la continuità abitativa delle aree oggetto degli interventi di riqualificazione urbana, attivando laboratori territoriali per il coinvolgimento della popolazione. 

Nell’ambito delle misure di efficientamento energetico per l’edilizia residenziale pubblica, Lieto ha illustrato la costruzione di un eco-quartiere a Ponticelli attraverso “l’abbattimento delle baracche in amianto nel campo bipiani di via Fuortes con la costruzione di 104 strutture abitative destinate agli abitanti dei manufatti da abbattere, per un costo complessivo di 25,7 milioni di euro, dei quali 23,760 milioni derivanti dal fondo complementare del PNRR e 1,978 milioni di euro dal Piano strategico di Città Metropolitana”.

Un secondo progetto per interventi sulle aree verdi e comuni nel ‘Lotto 10’, in via Scarpetta, prevede la realizzazione di giardini, orti urbani e aree di parcheggio, per un costo complessivo di 37 milioni di euro.  

Progetti di rigenerazione urbana sono, inoltre, previsti nelle aree ferroviarie dismesse della Stazione di Campi Flegrei attraverso la realizzazione della stazione Campegna e del deposito a servizio della Linea 6 della metropolitana di Napoli, con la creazione di un campus a servizio dei giovani universitari dell’università Parthenope.

Presentato inoltre un progetto per la realizzazione, in spazi confiscati alla camorra sul territorio cittadino, di case diffuse per donne vittime di tratta e di violenza domestica, e di una fattoria didattica, per un costo finanziabile massimo di 2,5 milioni di euro. 

Nell’ambito dei Piani Urbani Integrati, altra misura del PNRR che prevede fondi che transiteranno per Città Metropolitana, l’amministrazione ha deciso di puntare su due progetti significativi a sostegno delle comunità vulnerabili e colpite, ha concluso Lieto: la prosecuzione di ReStart Scampia, nell’ambito del quale è stato presentato un nuovo progetto del valore di 70 milioni di euro e la rigenerazione di Taverna del Ferro, candidata per 52 milioni di euro finalizzati alla realizzazione di 160 alloggi e aree verdi. 

L’assessora ha anche illustrato le schede progettuali del Contratto Istituzionale di Sviluppo ‘Vesuvio- Pompei- Napoli’, relative ai territori della VI e della IV Municipalità. Due i progetti di punta: la riqualificazione della ex fabbrica Corradini, nell’area est della città, per un finanziamento richiesto di 50 milioni di euro, da inserire nel più ampio piano di riqualificazione del waterfront di San Giovanni a Teduccio; la realizzazione di un community hub in un ex forno in Corso Garibaldi, per un costo stimato di 8 milioni di euro, per offrire servizi a bassa soglia nell’ambito del turismo sociale e attività connesse alla preparazione del cibo, coerenti con l’originaria funzione del luogo. 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.