DIECI CAPOLAVORI FIAMMINGHI “TORNANO A CASA”: DA CAPODIMONTE DI NAPOLI AL MUSEO DI MATERA


Dieci capolavori fiamminghi lasceranno i depositi del Museo e Real Bosco di Capodimonte di Napoli per andare ad arricchire le sale espositive del Museo Nazionale di Matera. Si tratta di opere di autori nordici che raffigurano i mestieri artigianali e le vedute olandesi. La selezione delle opere si è concentrata sul profondo interesse che nel tempo la Basilicata ha mostrato nei confronti della cultura fiamminga e nordica.

Un interesse che si manifesta nelle committenze ad artisti fiamminghi e nelle scelte del collezionismo lucano, come documenta la raccolta di Camillo d’Errico di Palazzo Lanfranchi. Percorsi diversi che insieme costituiscono quella che è stata definita “La grande stagione fiamminga in Basilicata”, su cui negli ultimi decenni sono state organizzate mostre e giornate di studio per comprendere al meglio il legame tra la Basilicata e la cultura fiamminga.

Un ideale filo rosso dunque lega la tradizione lucana alle opere di Capodimonte: dal paesaggio invernale del pittore di Amsterdam Willem Schellinks, eseguito attorno al 1650, alle scene di genere che illustrano i lavori artigianali del tedesco Johann Basilius Grundmann tra il 1758 e il 1760, alle ottocentesche vedute olandesi di Cornelis Springer, sino alla marina di Kees Terlouw che apre al Novecento. 

In particolare, le opere che raggiungeranno Matera sono: Johann Basilius GrundmannIl ciarlatano, sec. XVIII – dipinto olio su tavola; Johann Basilius GrundmannIl limatore di seghe, sec. XVIII – dipinto olio su tavola; Johann Basilius GrundmannLa bottega del ciabattino, sec. XVIII – dipinto olio su tavola; Johann Basilius GrundmannMercato, sec. XVII – dipinto olio su tavola; Johann Basilius GrundmannLa bottega del rigattiere, sec. XVIII – dipinto olio su tavola; Johann Basilius GrundmannLa filatrice, sec. XVIII – dipinto olio su tavola; Willem SchellinksVeduta dell’Ij ghiacciato, sec. XVII – dipinto olio su tela; Kees TerlouwCanale olandese, sec. XIX – dipinto olio su tela; Cornelis SpringerVeduta d’Olanda, sec. XIX – dipinto olio su tavola; Cornelis SpringerVeduta d’Olanda, sec.XIX – dipinto olio su tavola.

Alcune di loro erano state esposte al secondo piano del Museo e Real Bosco di Capodimonte nel 2018 nella mostra “Depositi di Capodimonte. Storie ancora da scrivere” (per maggiori informazioni: https://capodimonte.cultura.gov.it/mostra/depositi-di-capodimonte-storie-ancora-da-scrivere/).

L’allestimento curato dal Museo Nazionale di Matera è consistito nel predisporre un progetto espositivo accostando le 10 opere di Capodimonte in continuità e in dialogo con 17 dipinti della Collezione d’Errico di Palazzo San Gervasio, presentando le opere partenopee su appositi pannelli che valorizzino la loro qualità e ne evidenzino il valore di nucleo omogeneo.

L’iniziativa rientra nel progetto “100 opere tornano a casa” lanciato dal ministro della Cultura, Dario Franceschini, per valorizzare il patrimonio storico artistico e archeologico italiano conservato nei depositi dei luoghi d’arte statali e per promuovere i musei del territorio.

La conferenza stampa di presentazione delle opere si terrà presso la Sala Levi di Palazzo Lanfranchi a Matera il 22 febbraio alle ore 11:00.

Interverranno: Annamaria Mauro, direttrice del Museo Nazionale di Matera, Domenico Bernardi, sindaco di Matera, Tiziana D’ Oppido, assessore alla cultura di Matera, Piero Marrese, Presidente della Provincia di Matera, Luigina Tomay, Soprintendente ABAP della Basilicata, Maria Tamajo Contarini, funzionaria storica dell’arte del Museo e Real Bosco di Capodimonte.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.