NAPOLI, COLPO ALLE PIAZZE DI SPACCIO DEI CLAN DI NOLA. IOVINO: “AZZERATA INTROITO DELLE CASE 219”

Ieri la Squadra mobile di Napoli e del commissariato di Nola, su delega della Procura della Repubblica del Tribunale di Nola, ha eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare della custodia in carcere, emessa dal gip, nei confronti di sei persone, B.G., C.S., F.N., F.S., N.P. e R.P., ritenuti, si legge in una nota della procura, “gravemente indiziati di una pluralità di delitti aventi ad oggetto plurime cessioni di sostanza stupefacente occorse nel comune di Castello di Cisterna tra maggio e luglio 2021”.

Il provvedimento è l’epiologo di un’attività di indagine che si è avvalsa, per il suo svolgimento, di “mirati servizi di pedinamento e appostamento, la videoregistrazione delle condotte delittuose e, infine, allo scopo di rafforzare ulteriormente il quadro probatorio, la predisposizione di operazioni di polizia sotto copertura mediante l’impiego di personale specializzato del Servizio centrale operativo della Polizia di Stato”.

L’indagine ha permesso di acquisire gravi indizi di colpevolezza circa la “presenza di una fiorente ed articolata attività di spaccio di sostanze stupefacenti insistente nei caseggiati popolari, conosciuti come “Case della 219”, del comune di Castello di Cisterna. All’operazione hanno preso parte anche gli uomini del Reparto prevenzione crimine “Campania” e dei Reparti mobili della Polizia di Stato.

Iovino (M5S): “colpo a cartelli nel Nolano”

“L’operazione antidroga messa a segno a Castello di Cisterna, è l’ennesimo importante colpo assestato dallo Stato ai cartelli criminali che imperano nel Nolano. Grazie alle indagini di Polizia di Stato e Procura di Nola, è stata di fatto azzerata una florida piazza di spaccio nelle cosiddette “Case della 219”, tra le principali fonti di introito della camorra”.

Così il deputato del Movimento 5 Stelle e membro della Commissione Difesa della Camera Luigi Iovino. “Un plauso doveroso agli investigatori che, dopo mesi di indagini, appostamenti, pedinamenti, sacrificando la propria vita per lo Stato, con questa operazione hanno letteralmente affamato i clan e interrotto una delle più floride attività di spaccio nell’hinterland a Nord di Napoli. La camorra – conclude Iovino – non è un mostro invisibile, ma un fenomeno che possiamo e dobbiamo reprimere, dando il massimo supporto a chi, come questi valorosi uomini delle forze dell’ordine, lo combatte ogni giorno in prima linea”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.