SALERNO, OSSERVATORIO COAM: CORSO FORMAZIONE PER POLITICA AGRICOLA COMUNITARIA

La professoressa e presidente Coam Mariagiovanna Riitano

Prorogati i termini per le iscrizioni al Corso di formazione dal titolo “Il nuovo ciclo di programmazione della Politica Agricola Comunitaria 2023/2027 – Analisi e tecniche di redazione di progetti di finanziamento”, organizzato dal Consorzio Osservatorio dell’Appennino Meridionale (COAM).

«Viste le tante richieste pervenute da persone interessate in possesso della laurea da più di cinque anni, si è ritenuto di riemettere il bando modificandone i requisiti – sottolinea la Prof.ssa Mariagiovanna Riitano, Presidente del Consorzio Osservatorio dell’Appennino Meridionale e coordinatrice dell’attività formativa – Il Corso sarà destinato, dunque, anche a laureati da oltre 5 anni oltre che a laureati triennali e magistrali che hanno conseguito il titolo da non più di 5 anni, con l’obiettivo di fornire loro competenze in merito alla progettazione prevista dal Piano Strategico Nazionale, nell’ambito della nuova Politica Agricola Comunitaria (PAC). Il percorso è caratterizzato da un approccio essenzialmente operativo, vede impegnati esperti e professionisti della materia ed è patrocinato dal Corso di Laurea in Agraria dell’Università degli Studi di Salerno».

Lo scorso dicembre sono stati pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale europea i Regolamenti relativi alla nuova Politica Agricola Comunitaria per il quadriennio 2023-2027, che prevedono il passaggio dai Piani di Sviluppo Rurale (PSR) regionali al Piano Strategico Nazionale (PSN), operativo quest’ultimo dal gennaio 2023.

 “Nell’ambito del Corso i discenti avranno la possibilità di comprendere le procedure i meccanismi necessari per vincere la sfida dell’efficienza nella definizione dei piani strategici della PAC – dichiara la Prof.ssa Enrica De Falco, componente del Comitato tecnico-scientifico dell’Osservatorio – Si tratta di una tematica attuale, dagli immediati risvolti economici e professionali. Le competenze acquisite potranno consentire ai discenti di fornire consulenze ai potenziali beneficiari di finanziamenti”.

Il Corso vede impegnati esperti nei diversi temi previsti dal programma: dall’inquadramento normativo dell’Unione Europea e dall’evoluzione della Politica Agricola Comunitaria, al Piano Strategico Nazionale 2023-2027; dalle diverse fasi della progettazione, alle esercitazioni finalizzate alla redazione di progetti candidabili.

Le lezioni saranno tenute dal Prof. Francesco Buonomenna, docente dell’Università di Salerno, e da professionisti esperti, agronomi e funzionari regionali: Giovanni Silenzio, Imma Menna, Eligio Troisi, Raffaella Buonerba, Felice Poppiti, Emilia Casillo e Marcello Murino.

I candidati saranno selezionati dal Comitato scientifico del Corso, composto dalla Prof.ssa Enrica De Falco, membro del Comitato tecnico-scientifico dell’Osservatorio, dalla Dott.ssa Francesca Dattilo, in rappresentanza della Regione Campania, dal Dott. Eligio Troisi, Coordinatore del Gal “Colline Salernitane”.

Il percorso formativo, destinato a 60 partecipanti laureati, sarà articolato in 42 ore di docenza erogate in modalità remota, su piattaforma Zoom. L’inizio è previsto per lunedì 16 maggio 2022, alle ore 16:00.

Le domande di iscrizione devono essere inviate al Consorzio Osservatorio dell’Appennino Meridionale, all’indirizzo di posta elettronica certificata segreteria.osservatorio@postecert.it  entro e non oltre venerdì 6 maggio, alle ore 12:00.

BANDO DI PARTECIPAZIONE E PROGRAMMA CORSO https://www.appennino.unisa.it/news/index/idStructure/1707/id/30309

INFO

https://www.appennino.unisa.it/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.