NAPOLI E IL PNRR, MARESCA: “OLTRE 50% RISORSE A RISCHIO, ALTISSIMO PERICOLO DI INFILTRAZIONI CAMORRA”

«Oltre il 50% delle risorse destinate a Napoli rimarrà inutilizzato, sia per incapacità progettuale del Comune sia per la velocità delle procedure. Se non si interverrà subito con un organismo attrezzato di controllo, il rischio di inflitrazioni camorristiche sarà altissimo».

A dirlo è Catello Maresca, consigliere comunale di opposizione e presidente della commissione consiliare speciale di monitoraggio sui fondi del PNRR. «Ho l’impressione che non ci sia una visione di città – rimarca – il PNRR rappresenta un’occasione straordinaria e irripetibile. Tra pochi mesi dovremo fare una prima valutazione dei progetti realmente cantierabili e da parte degli enti pubblici dovrà esserci la capacità di impegnare quelle risorse, di cui più della metà non saranno utilizzate. C’è un grande problema di pubblicità, di rendere pubbliche cioè le attività che ruotano attorno ai bandi, da cui restano fuori i cittadini. Resta fuori la trasparenza dietro la quale si nasconde l’insidia maggiore: l’infiltrazione camorristica. Soprattutto in questo momento dobbiamo esigere perciò una trasparenza massima».

Per Maresca «è indispensabile attivare uno strumento di monitoraggio e controllo straordinario contro il rischio di infiltrazioni mafiose». La soluzione? «L’istituzione di un apposito Comitato interministeriale di controllo, incardinato presso la Presidenza del Consiglio dei ministri (da istituire per legge). In alternativa si potrebbero (attesa l’urgenza) affidare con decreto legge le funzioni al già esistente Comitato di Coordinamento per l’Alta Sorveglianza delle Infrastrutture e degli Insediamenti Prioritari (a cui sono stati già affidati l’Expo Milano, il monitoraggio finanziario del grande progetto Pompei e la bonifica della Terra dei fuochi). Con qualche modifica: incardinarlo presso la Presidenza del Consiglio dei ministri (e non più presso il ministero degli Interni); inserire un componente indicato dal ministero per il Sud e la coesione territoriale (che oggi incredibilmente manca); prevedere una specifica articolazione appositamente dedicata al monitoraggio dei fondi del PNRR, specificandone ruoli e funzioni, soprattutto in relazione alle linee di indirizzo per le Prefetture; infine prevedere una speciale piattaforma informatica sul modello di SIGEXPO e SIPREX (adottate per Expo Milano)».

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.