NAPOLI NORD, SMALTIMENTI ILLECITI DI RIFIUTI ED EMISSIONI: RAFFICA DI DENUNCE IN TERRA DEI FUOCHI

Nel comune di Melito di Napoli, i carabinieri della tenenza locale, insieme a quelli forestali, hanno sequestrato un’officina meccanica e denunciato a piede libero il titolare per emissioni in atmosfera in assenza di autorizzazioni.

Sempre a Melito i militari hanno individuato e segnalato agli enti di competenza per il ripristino dei luoghi un’area di via Giulio Cesare dove erano stati sversati diversi rifiuti pericolosi. Ad Arzano i carabinieri hanno ispezionato un’autocarrozzeria di via Circumvallazione: il titolare della ditta aveva omesso di compilare il registro di carico e scarico rifiuti. Mancava poi il registro di manutenzione e monitoraggio per il rispetto delle prescrizioni autorizzative.

A Casalnuovo i carabinieri locali ed i forestali di Marigliano hanno denunciato il rappresentante legale di una ditta del posto per smaltimento illecito di rifiuti. Durante i controlli, i militari hanno trovato vecchi elettrodomestici, pezzi di carrozzeria di veicoli e motori intrisi di olio che erano stati nel tempo accantonati all’interno di tre cassoni in ferro.

L’area di circa 15 metri quadrati è stata sequestrata. In un’altra officina, ma questa volta a Giugliano in Campania, i militari hanno sanzionato il titolare che non aveva aggiornato il registro per lo smaltimento dei rifiuti. E ancora, a Mugnano di Napoli è stata denunciata a piede libero la rappresentante legale di un’attività di ristorazione di via Nenni dove i carabinieri hanno trovato 5 lavoratori su 8 in nero e tra i 5 due erano anche percettori del reddito di cittadinanza. Disposto il provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale.

I carabinieri della stazione di Grumo Nevano insieme ai colleghi del nucleo operativo del comando gruppo carabinieri tutela del lavoro di Napoli hanno denunciato il titolare di una ditta di confezionamento di capi di abbigliamento.

I militari, oltre ad aver constatato come l’imprenditore facesse lavorare i suoi dipendenti in precarie condizioni igieniche e di sicurezza, hanno trovato all’interno del laboratorio 6 lavoratori – tra cui un percettore di reddito di cittadinanza – non regolarmente assunti. All’imprenditore sanzioni amministrative e penali per un totale 124mila euro. L’attività imprenditoriale è stata sospesa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.