NAPOLI, ACCOMPAGNA LA FIGLIA AL SANTOBONO E STANCA DI ASPETTARE AGGREDISCE INFERMIERA

Nella serata di ieri 16 luglio una donna accompagna la figlia al nosocomio pediatrico per una visita, da subito lamenta tempi di attesa lunghi, decide allora di minacciare un’infermiera e danneggia il termo-scanner del pronto soccorso. Lo denuncia Nessuno tocchi Ippocrate.

La donna è stata identificata e denunciata. Una media di una aggressione ogni 5 giorni solo nel territorio di Napoli città, siamo la categoria di lavoratori più a rischio e lo stato continua ad ignorarci.

Le parole di Vincenzo Tipo, direttore del Pronto Soccorso ai microfoni di Nessuno tocchi Ippocrate: “è l’ennesima aggressione ai danni di operatori che si fanno in 4 per garantire assistenza a tutti, assicurare percorsi protetti per prevenire l’ennesima ondata di Covid e fronteggiare emergenze di ogni tipo. Sono atti vili che rientrano nel degrado generale che vive questa città. Purtroppo siamo anche stati ingannati dalka politica nazionale quando ci ha fatto credere di aver prodotto una legge a tutela dei sanitari. Questo non è vero perché, rispetto a prima, non è cambiato nulla. Le querele/denunce restano di parte e solo per prognosi superiore ai 20 giorni scattano di ufficio. Voglio ricordare che, di recente, la denuncia di un infermiere aggredito con frattura di dito è stata archiviata perché l’ansia genitoriale è stata ritenuta quale attenuante . Per questo c’è sempre di più la fuga dai servizi di Emergenza/Urgenza”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.